Una fogna a cielo aperto – Il depuratore versa in uno stato di abbandono e i residenti insorgono. Esalazioni nauseabonde infestano i dintorni

ARCE -  Al “Guado Forestiero” è emergenza ambientale.
Una delle maggiori linee fognarie del paese, sfocia senza depurazione, in un piccolo corso d’acqua trasformandolo in una vera e propria fogna a cielo aperto.
In realtà, l’impianto per l’eliminazione delle sostanze inquinanti esiste, ma ormai da anni non svolge più la sua funzione. Il depuratore, che probabilmente è stato attivo per pochissimo tempo, versa in uno stato di totale abbandono.
Lo spettacolo al “Guado Forestiero” è raccapricciante. Gli odori nauseabondi si avvertono già da diverse centinaia di metri dal depuratore e lambiscono anche le abitazioni delle contrade Portone e Campanile. Nel piccolo rio si riversa tutto ciò che proviene dalla fognatura accompagnato da una schiuma bianca che si disperde nell’acqua solo dopo diversi metri. La zona è diventata un ricettacolo di topi, bisce, zanzare e insetti di ogni tipo. Come se non bastasse, in diversi punti sono stati abbandonati rifiuti di ogni genere: sacchi d’immondizia domestica, scarti edili e gomme d’auto. Il quadro elettrico che dovrebbe dare corrente alle pompe è aperto e al suo interno i contatti e i vari interruttori risultano manomessi e pressoché distrutti. L’acqua del rio attraversa le campagne di Campostefano fino ad incontrare il fiume Liri. E’ possibile che i terreni limitrofi, i pozzi e le sorgenti della zona siano pesantemente inquinate. Gli abitanti di Campostefano in più occasioni hanno denunciato la situazione. Negli ultimi tempi sarebbero aumentati sia gli odori che la quantità di liquidi che fuoriescono dalla fognatura.. Anche il degrado di tutta l’area è notevolmente aumentato. Finora nessuno è mai intervenuto nemmeno per monitorare quanto sta accadendo o per verificare se ci sono rischi per la salute pubblica.
«Chiediamo ai nostri amministratori – ha detto un’abitante del posto – di intervenire e di sollevare il problema a chi di dovere. Finora – ha concluso – abbiamo sentito solo promesse che puntualmente vengono reiterate ad ogni campagna elettorale».

11