Vince l’Isola Liri a Melfi 2-1, perde il Cassino sempre 2-1 – Risultati altalenanti per le due ciociare, una vittoria e una sconfitta con lo stesso punteggio, piange il Cassino battuto in casa dalla Juve Stabia, ride l’Isola Liri che si toglie lo sfizio di battere in trasferta il coriaceo Melfi.

Ora dopo questa ennesima prova di carattere in casa isolana si guarda al futuro con più ottimismo, seconda vittoria consecutiva per i ragazzi di mister Sandro Grossi che al termine di 90 minuti molto intensi tornano con i tre punti in palio da Melfi, una delle formazioni più scorbutiche di questo raggruppamento della lega pro. La gara dopo un primo tempo di studio in cui tutte e due le formazioni si contrastano prevalentemente a centrocampo vive le sue maggiori emozioni nella ripresa con gli ospiti ciociari capaci di andare in rete al 7° minuto grazie ad un calcio di rigore trasformato dall’ottimo Raffaello, vantaggio meritato in virtù di una gara fino a quel punto accorta e perfetta.

Veemente la reazione dei ragazzi di mister Rodolfi che azzecca la sostituzione giusta, infatti, il nuovo entrato Pellecchia batte il portiere ciociaro Mangiapelo al 37° ristabilendo il risultato di parità.

Negli ultimi 8 minuti quando tutti si aspettavano la divisione della posta mister Grossi, immetteva in campo Bianchini facendolo entrare al posto di Simonetta, e proprio il nuovo entrato al 42° infilava la porta dei locali regalando la vittoria alla sua squadra portando, soprattutto tre punti utilissimi per una classifica che ora vede gli isolani in quint’ultima posizione, non male visto l’inizio disastroso.

Prossimo turno in casa contro il Gela, una delle corazzate di questo campionato. ALL’ARREMBAGGIO.

 

Sconfitta amarissima per il Cassino che davanti, finalmente ad uno stadio pieno cede alla più quotata Juve Stabia l’intera posta.

Tutte le emozioni condensate nella prima frazione di gioco con le due formazioni subito pericolose, azioni ficcanti e ripetute che fanno presagire una gara emozionante e all’altezza della classifica di entrambe.

Portieri subito protagonisti, i grandi numero uno Indiveri e Soviero tengono a bada gli attaccanti con interventi prodigiosi, l’equilibrio si spezza negli ultimi 19 minuti con tre reti molto belle stilisticamente parlando. Cassino in vantaggio al minuto 26 con Croce che raccoglie un inviti di Mezgour e insacca alla spalle di Soviero, la gioia dura pochi minuti esattamente 11 quando al minuto 37 Vicentin raccoglie di testa una punizione del capitano Capparella ed insacca nella rete ciociara, 1 a 1.

Neanche il tempo di resettare che le vespe stabiesi infliggono il colpo del K.O. incredibile la rete di Peluso che da trenta metri con una parabola micidiale supera per la seconda volta l’estremo ciociaro, 1 a 2 e fine primo tempo.

Nella ripresa veementi le azioni dei locali che non riescono a perforare la difesa ospiite che si erge a protagonista con tutti i suoi effettivi erigendo un muro insormontabile dove sbattono tutte le azioni del Cassino incapace di raggiungere il pareggio che sarebbe stato meritato.

Peccato resta la grande prova del Cassino che soddisfa il tecnico Pellegrino che dovrà lavorare molto sul morale vista la prossima terribile partita a Roma sabato 12 Dicembre contro la Cisco altra corazzata di questo torneo, TUTTI PER UNO UNO PER TUTTI.

 

La radiocronaca integrale on air e in streaming su RADIOCASSINOSTEREO e www.arcenews.it affidata a Max Marzilli con il commento tecnico di Fabio Durazza e Roberto Rotondo dalle ore 14.15 di sabato 12 dicembre 2009.

 

Max Marzilli

 

49
Da: ; ---- Autore: