ROCCA D’ARCE – Delibera sulla Tari, l’opposizione incalza: ‘Era già agli atti’

Antonello Quaglieri

Antonello Quaglieri

ROCCA D’ARCE – «Il sindaco dice una falsità: la proposta di delibera sulla Tari era agli atti».
E’ ormai scontro aperto tra maggioranza e opposizione dopo il consiglio comunale della scorsa settimana e le dichiarazioni del sindaco Pantanella. I consiglieri d’opposizione respingono le accuse di pressappochismo rivoltegli dal primo cittadino e passano al contrattacco.
«Il sindaco – ci ha detto Antonello Quaglieri a nome del gruppo di minoranza – invece di scappare dal confronto, inventandosi falsità, avrebbe dovuto avere il coraggio di far pronunciare l’assise e soprattutto la sua maggioranza, su argomenti pienamente condivisibili e su cui probabilmente avrebbe avuto grande imbarazzo a non votarli, visto che non solo la nostra mozione era completa ma portava anche la firma e quindi la condivisione, di centinaia di cittadini rocchigiani. A questo punto – prosegue ancora il capogruppo – ci viene da pensare che chi deve studiare di più sia proprio il sindaco che nel ruolo di presidente del consiglio dimostra di non conoscere le regole basilari del funzionamento dell’assise. Gli suggeriamo di rileggersi i riferimenti normativi per non incorrere in nuovi scivoloni e soprattutto per non pregiudicare le prerogative di tutta l’assise civica. Infine, dispiace rilevare che un sindaco reputi un costo l’esercizio della democrazia in seno al consiglio comunale. Una spesa che . conclude Quaglieri – messa a confronto con gli sperperi che questa amministrazione fa ricadere sui contribuenti fa soltanto sorridere».

Share Button