ARCE – Museo della storica ferrovia. Ci si prova con il crowdfunding

La loc a vapore 017 preparata presso l’IA di Cassino curata dal responsabile Bernardo Di Folco

ARCE – Il primo crowdfunding della Valle del Liri per il museo della Roccasecca-Avezzano.
E’ partita da qualche settimana la raccolta fondi per contribuire alla realizzazione del museo che si sta realizzando presso il palazzo municipale di Arce a cura dell’associazione Apassiferrati. Il crowdfunding, in italiano finanziamento collettivo, è una pratica di microfinanziamento dal basso che mobilita gruppi di persone molto numerosi che condividono un medesimo interesse, un progetto comune oppure che intendono sostenere un’idea altamente innovativa.
E’ la prima volta che, in un territorio come quello della Valle del Liri, si ricorre a questo tipo di finanziamento con la duplice missione di raccogliere denaro e dare l’opportunità di essere parte integrante di un progetto come quello del museo della ferrovia. L’associazione Apassiferrati è nata qualche anno fa con lo scopo di far conoscere le eccellenze culturali, storiche, economiche e turistiche della Valle del Liri e di quella che in precedenza veniva chiamata la provincia della Terra di Lavoro. La caratteristica unica di questo progetto è la valorizzazione di uno dei principali strumenti che hanno contribuito al radicale cambiamento e crescita del territorio. Stiamo parlando della strada ferrata con la grande direttrice Roma-Ceprano-Napoli e in particolare la sua derivazione Roccasecca-Avezzano. In questo contesto nasce il museo della Ferrovia della Valle del Liri presso il palazzo municipale di Arce, che rappresenta l’obiettivo principale del sogno di Apassiferrati. Un nuovo luogo per la cultura, significativo per il futuro di un territorio pieno di ricchezze, ancora non abbastanza valorizzato.
Dopo quasi un anno di lavori, domenica prossima 18 dicembre si terrà una presentazione in anteprima del museo. Per completare il progetto, l’associazione, dal 14 novembre, ha lanciato una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Becrowdy che durerà soltanto 60 giorni. L’importo da raggiungere è di 3.000 euro che coprirà solo in parte la realizzazione dei grandi plastici ferroviari del museo che costerà quasi centomila euro. Per partecipare alla raccolta basta collegarsi all’indirizzo www.becrowdy.com/museo-della-ferrovia-della-valle-del-liri dove è possibile fare donazioni dai 2 ai 250 euro.

Share Button