ROCCA D’ARCE – Dichiarazioni false, l’opposizione lancia violente accuse

ROCCA D’ARCE – Dichiarazioni false, realtà “alterata” e ricostruzioni artificiose di quanto accade in consiglio comunale: il gruppo consiliare “Roccadarce Progetto Comune” si scaglia, ancora una volta, contro i colleghi della maggioranza. Rei, a loro dire, di «dichiarazioni palesemente false».
Anche per questa ragione, Antonello Quaglieri, Mario Lancia e Tiziana Di Folco hanno chiesto, ottenendolo, un incontro con il prefetto Emilia Zarrilli. AL centro delle ultime polemiche, una dichiarazione di voto del consigliere Tiziana Di Folco durante il Consiglio del 18 novembre scorso, in cui «non è stata accolta – sottolinea il gruppo di opposizione – una richiesta di rettifica di un’affermazione attribuita alla stessa Di Folco che non ha riconosciuto propria ma che le è comunque confermata. Il gruppo di opposizione reputa che quelli elencati siano atti d’imperio e prepotenza gravissimi che vanno a discapito della democrazia, del sano confronto, della verità, della serietà del consigliere intervenuto e della reputazione di tutto il gruppo consiliare. Il nostro impegno ora, – conclude la nota di Quaglieri, Lancia e Di Folco – è quello di ripristinare la realtà dei fatti e siamo anche in attesa che il consigliere Mollicone, delegato alla Protezione Civile, confermi la nostra tesi. A questo punto riteniamo che il sindaco e i suoi consiglieri debbano assumersi tutta la responsabilità politica di quanto compiuto».

Share Button