ARCE – Nido pubblico. Il sindaco cerca personale tra i dipendenti

ARCE – A.A. cercasi dipendenti disposti ad andare a lavorare al nido comunale.
Il sindaco di Arce scrive a tutti i lavoratori dell’ente di via Milite Ignoto: «Servono almeno tre persone da trasferire nel plesso di via Magni».
Non è la prima volta che Roberto Simonelli si rivolge direttamente ai dipendenti per reclutare personale da destinare a mansioni diverse da quelle per cui sono impiegati. L’ultima volta, ad agosto scorso, aveva chiesto la disponibilità per un autista a cui affidare lo scuolabus dell’infanzia. Richiesta che però non riscosse grande successo, tanto che il comune fu costretto a ricorrere all’affidamento esterno del servizio. Questa volta servirebbero operatori per l’infanzia in quanto l’amministrazione è decisa a riprendere in proprio la gestione del nido comunale.
«In considerazione – scrive il sindaco nella missiva – che è nostra intenzione riattivare il servizio già dal prossimo anno scolastico 2017/2018 mediante gestione di personale educativo interno e con servizio di refezione e pulizia in appalto; considerato che, al fine di garantire la piena efficienza del nido, necessitano tra unità; chiede a tutto il personale dipendente, prima di procedere ad un’eventuale mobilità d’ufficio, di manifestare la propria volontà ad essere trasferiti presso la struttura di via Magni. Le eventuali adesioni dovranno pervenire all’ufficio protocollo del comune entro lunedì prossimo 5 giugno. L’amministrazione – conclude Simonelli – si riserva comunque di valutare le candidature che dovessero pervenire, al fine di non pregiudicare il regolare svolgimento dei servizi di cui i candidati sono già incaricati».
La gestione del nido, almeno da quando è stato riaperto nel nuovo plesso, non è mai ripartita. Tante richieste ma pochissimi gli iscritti. Il problema principale sono i costi di gestione che fanno lievitare le rette e che a loro volta non sono alla portata delle famiglie.

Share Button