ARCE – Maggioranza in frantumi. Ma Simonelli tira dritto

ARCE – Nervi tesi in maggioranza con l’amministrazione lacerata dai dissidi interni. Non c’è pace per la compagine guidata dal sindaco Roberto Simonelli. Lunedì scorso si è tenuta la riunione del consiglio comunale per l’esame di nove punti all’ordine del giorno. A far discutere però è ancora il fuoco amico del consigliere di maggioranza Filippo Colantonio, il quale ha avanzato una serie di interrogazioni e interpellanze che, se fondate, mettono in seria discussione l’operato della giunta municipale.
Ma i dissensi interni non riguardano più soltanto l’ex delegato alla Pubblica manutenzione. Anche in giunta ci sarebbe una serie di veti incrociati che, oramai da tempo, starebbe esasperando gli animi e soprattutto l’azione amministrativa.
A un anno e mezzo dalle elezioni, infatti, sembra essere partita una sorta di competizione interna vista l’incantidabilità dell’attuale e sindaco per un terzo mandato. Dal canto suo, il primo cittadino tira dritto e ha annunciato un programma di fine consiliatura che prevede numerosi interventi da realizzare con «quanti hanno a cuore le sorti del paese».
Simonelli ha annunciato al consiglio che a giorni saranno appaltati i lavori per la realizzazione della rotatoria al bivio del cimitero. E proprio in questa zona l’amministrazione sta valutando alcune soluzioni per poter ampliare le aree di sosta. Si pensa all’esproprio del terreno sottostante una cava dismessa in località Fontanelle e alla realizzazione di una scala che permetterebbe di raggiungere la nuova ala del cimitero comunale. Altri espropri di terreni potrebbero essere effettuati al di sotto del Museo Gente di Ciociaria, dove potrebbe sorgere un parco verde e una nuova zona parcheggi. Anche il vecchio palazzo di via magni acquistato nella scorsa consiliatura, dove un primo momento si ipotizzava addirittura la realizzazione della nuova caserma dei Carabinieri, sembra ora essere destinato alla demolizione e alla realizzazione di una decina stalli di sosta.
A chi si chiede con quali fondi verranno realizzate queste nuove opere, è lo stesso Simonelli a rispondere: «Se necessario – ha precisato il sindaco – accenderemo dei nuovi mutui».

Share Button