SPORT/CALCIO – Ancora Cassino. Per il secondo anno consecutivo gli azzurri vincono il torneo “Lino De Santis”. Nella finale della 38esima edizione sconfitto di misura l’Atletico Supino Frusino

ARCE/FONTANA LIRI – Per il secondo anno consecutivo gli Allievi del Cassino Calcio 1924 iscrivono il proprio nome nell’albo d’oro del torneo “Lino De Santis” 38esima edizione, manifestazione promossa e organizzata dal Milan Club di Arce, presieduto da Franco Corsetti.
I ragazzi allenati da Grimoaldo Gerardi si sono imposti per 3 a 2 contro i pari età dell’Atletico Supino Frusino, undici guidato da Giuliano Farinelli. La finalissima, in notturna, si è disputata sul terreno di Fontana Liri per l’indisponibilità del campo sportivo di Arce interessato da lavori di rinnovamento.
L’incontro, alla presenza di un folto pubblico, ha offerto spettacolo e tante emozioni. In campo sono emerse ricche individualità, a riprova del fiorente settore Allievi delle due società.
La gara si è messa subito in salita per la squadra di Supino Frusino. Dopo tre minuti i cassinati, infatti, passano in vantaggio con Orlando lesto a sfruttare un cross e a battere il portiere Magliocchetti, con un angolato tiro rasoterra. Neanche il tempo di organizzare una possibile rimonta e la formazione del capitano Colabove trova, al 12’, il raddoppio, grazie ad Azzoli che sfrutta al meglio un assist di Feyzulla. Da notare, subito dopo, un affondo di Orlando che imbecca Feyzulla stoppato dalla difesa avversaria. Al 25’ l’intraprendente Jallow accorcia le distanze con un secco diagonale che non lascia scampo a Cancanelli.
I biancazzurri, piuttosto reattivi, approfittano di uno sbandamento della difesa frusinate con Cuozzo che al 27’ porta il risultato sul 3 a1. A questo punto Jallow prende in mano le redini del gioco e si rende spesso pericoloso, anche se la difesa cassinate riesce a fermare gli attacchi.
La ripresa si apre con una gran parata di Perretta su tiro di Cerbara. Anche se la squadra di Gerardi difende il vantaggio con veloci azioni in contropiede, non può evitare la seconda marcatura di Trapani che con una splendida rovesciata fissa il risultato sul 3 a 2.
Pavonio e compagni si spingono in avanti alla ricerca del pareggio, ma l’impegno e il cuore non bastano per riequilibrare l’incontro.
Finisce così con la vittoria del Cassino Calcio 1924. Gli applausi del pubblico però sono equamente distribuiti tra due squadre vivaci che hanno veramente onorato il calcio giovanile.

Il ricordo di “Lino De Santis”
Nei minuti precedenti la finalissima, toccante momento in memoria di Lino De Santis, il giovane scomparso, a soli diciassette anni, a seguito di incidente stradale. In campo, la bandiera tricolore, l’inno di Mameli, il minuto di raccoglimento e il lungo applauso con i giocatori schierati a centrocampo.
Al termine della finalissima la cerimonia di premiazione con lo speaker Patrizio Esposito e la regia del presidente del Milan Club, Franco Corsetti. Presenti il presidente provinciale Figc, Pietrino Tagliaferri, il sindaco di Arce Luigi Germani, il vice Sara Petrucci, il delegato allo sport Alessandro Proia, il sindaco di Fontana Liri Gianpio Sarracco, il consigliere comunale Cristiano Grimaldi responsabile del centro sportivo, le figlie del compianto “Aldo Cedrone” Loredana e Tiziana.
Dopo aver messo nel giusto risalto i valori dello sport e l’aspetto educativo della manifestazione, il via alla ricca premiazione. Oltre le due squadre finaliste, attestati anche ai ragazzi dell’U.S. Arce e della Pro Calcio Isola Liri. Premiati: il miglior giocatore del torneo: Lorenzo Orlando (Cassino Calcio), il capocannoniere: Jacopo Trapani (Supino Frusino), la migliore “ala sinistra” Abdulay Jallow (Supino Frusino), il miglior portiere Carlo Tavolieri
(U.S. Arce). Il trofeo del 38esimo torneo consegnato nelle mani del capitano Lorenzo Colabove (Cassino Calcio), mentre il premio disciplina “Aldo Cedrone”, è stato assegnato all’U.S. Arce.

Share Button