FONTANA LIRI – La compagnia teatrale “Palco Oscenico” si esibisce a Fontana Liri Superiore con uno spettacolo teatrale

FONTANA LIRI – Questa sera, alle ore 21,30, in Piazza Santo Stefano a Fontana Liri Superiore, spettacolo comico teatrale della compagnia Palco Oscenico. Nell’ambito dei festeggiamenti in onore della Madonna Santissima di Loreto, nella suggestiva Piazzetta del centro storico, si esibirà la compagnia Palco Oscenico che proporrà lo spettacolo comico “Ancora a Pezzi”, una sequenza di sketch e scenette comiche […]

Share Button
Continua a leggere

COLFELICE – Lavori di manutenzione e sfalciamento in Via Delle Serre, grazie ai ragazzi del Servizio Civile della XV Comunità Montana di Arce.

COLFELICE –  In Via Delle Serre, su richiesta dell’Amministrazione Comunale e dell’interessamento del consigliere comunale e comunitario Antonio Protano, sono stati effettuati lavori di manutenzione dai ragazzi del Servizio Civile, in forza alla XV Comunità Montana Valle del Liri. Con grande lena ed entusiasmo continua l’impegno dei giovani operanti nell’ente montano di Arce guidato dal presidente Gianluca Quadrini che dichiara: […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE – Troppi misteri sulla sua morte. Ora la svolta. Le sue dichiarazioni hanno permesso di riaprire e di dare corpo alle indagini

ARCE – Undici anni per arrivare a poter finalmente dichiarare che il delitto di Arce e il caso Tuzi fanno parte di un unico grande quadro d’insieme. Fino a questo punto, l’omicidio di Serena e la scomparsa del brigadiere che per primo ebbe il coraggio di rivelare nel 2008 l’ingresso della studentessa in caserma nella mattina del 1° giugno del […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE – «Non è stato protetto abbastanza». La procura chiude il cerchio sulla morte di Serena: la verità è vicina anche per il caso Tuzi con un’intercettazione inedita. La figlia Maria non ha dubbi: «Mio padre poteva essere vivo». Pressioni, silenzi e undici anni nell’attesa di questo momento

ARCE – «Non è stato protetto abbastanza. Se qualcuno l’avesse allontanato o trattenuto, mio padre sarebbe ancora vivo». Maria Tuzi non ha molti dubbi: suo padre, il brigadiere che per primo indicò la presenza di Serena in caserma il 1° giugno del 2001, poteva essere salvato. La procura ha chiuso il cerchio sul caso Mollicone. Come ti senti? «Quando si […]

Share Button
Continua a leggere