ARCE – “Arce solidale”, Attivato un conto corrente per donazioni Covid-19 dall’Amministrazione comunale arcese

ARCE – L’Amministrazione comunale attiva un conto corrente postale dedicato all’emergenza Coronavirus. Da oggi il Comune di Arce ha messo a disposizione dei cittadini un importante strumento per la raccolta dei fondi da destinare ad iniziative di sostegno sociale per le famiglie.
La Giunta Municipale, nei giorni scorsi, aveva già provveduto ad attivare e finanziare con il bilancio comunale un piccolo fondo per le necessità più urgenti. Una grossa mano ora arriverà dai fondi stanziati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri tramite la Protezione Civile e dalla Regione Lazio per i cosiddetti buoni spesa alimentari. Ma sono ancora tante le necessità, non solo alimentari, che in molti stanno avendo.
«In questi giorni – ha detto il sindaco Luigi Germani – Arce si sta confermando una comunità dal cuore grande. Diversi cittadini mi hanno sollecitato ad attivare un conto corrente su cui poter versare un contributo economico a supporto di quanti in questo momento non se la stanno passando bene. Da oggi, quindi, è possibile fare un gesto concreto per aiutare chi ha più bisogno. Lo possiamo fare tutti, adesso, ciascuno secondo le proprie possibilità. È il gesto che conta. Ringrazio fin d’ora tutti coloro che vorranno contribuire e quanti ci aiuteranno a diffondere questa possibilità tra amici e parenti. Le somme raccolte – ha concluso il primo cittadino – saranno destinate a finalità di supporto economico e assistenziale per i cittadini indigenti o comunque in grave difficoltà e per interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza».

Il sindaco Luigi Germani

Il versamento è possibile farlo tramite bonifico bancario sul conto corrente postale al seguente IBAN: IT08N0760114800001049407594 intestato a Comune di Arce – Donazioni Emergenza Covid19.
Dall’ente di via Milite Ignoto fanno sapere, inoltre, che la raccolta fondi usufruirà degli sgravi fiscali previsti dall’ art. 66 del D.L. n. 18/2020 che stabilisce che “per le erogazioni in denaro ed in natura, effettuate nell’anno 2020 dalle persone fisiche e dagli enti non commerciali, in favore del Comune spetta una detrazione di imposta pari al 30% e comunque per un importo non superiore ad € 30.000,00. Le erogazioni in denaro ed in natura, effettuate nell’anno 2020 effettuate dai titolari di reddito di impresa sono deducibili dal reddito di impresa, anche ai fini IRAP”.

65
Share Button