ARCE – Nuovo asilo nido comunale, al via le iscrizioni per l’anno 2020-2021. Gregori: «Offerta attenta e mirata per lo sviluppo cognitivo dei nostri bambini»

ARCE – Anche Arce, finalmente, avrà il suo asilo nido. L’Amministrazione comunale del Sindaco Luigi Germani sta mettendo a punto gli ultimi dettagli per far ripartire il servizio dedicato ai bambini di età compresa tra 3 mesi e i 3 anni già dal prossimo settembre.

L’Assessore alla Politiche sociali, Bruna Gregori, è da tempo impegnata in una riorganizzazione generale della struttura di via Magni, purtroppo non attiva ormai da diversi anni.

A fine febbraio scorso, il Consiglio Comunale ha approvato il nuovo regolamento di gestione dell’asilo nido e le linee didattico-pedagogiche ed organizzative per il suo funzionamento. La nuova struttura si chiamerà: asilo nido comunale “Le Coccole”.

Pochi giorni fa la Giunta, considerando la situazione sanitaria ed economica in corso, è intervenuta per fissare le nuove tariffe cosi da andare il più possibile incontro alle famiglie che hanno necessità di usufruire del servizio nido senza un esborso eccessivo di denaro.

«Poter offrire alle famiglie e, soprattutto, ai bambini un servizio di asilo nido nel nostro Comune – ha detto l’Assessore alle Politiche sociali Bruna Gregori – mi riempie di gioia perché è già nella prima infanzia che si pongono le basi della socializzazione. L’offerta sarà attenta e mirata sia dal punto di vista pedagogico che nutrizionale, proprio perché vogliamo che i nostri bambini siano coccolati ed educati al buon cibo sin da piccini. Tutto ciò in considerazione – ha aggiunto ancora la Gregori – di una situazione economica generale che ci impone di non gravare troppo sulle famiglie dal punto di vista economico. Come diceva Maria Montessori “insegniamo ai bambini a fare da soli”, ma questo lo si può realizzare solo se istituzioni e famiglia stringono un patto che agevoli la crescita e lo sviluppo».

La campagna per le iscrizioni terminerà il prossimo 30 giugno. Sul sito del Comune di Arce è possibile reperire il modello di domanda e tutte le informazioni sulle tipologie orarie disponibili e i relativi costi. Su quest’ultimo aspetto, particolarmente sentito in tempi di crisi economica, l’Amministrazione ha elaborato delle tariffe ‘calmierate’ che vanno incontro alle esigenze dei nuclei familiari più svantaggiati ma anche di quanti si trovano in fasce di reddito più alte.

94
Share Button