Tag Archives: delitto mollicone

ARCE – Presto una controrelazione. “Vogliamo la verità”

ARCE – Delitto di Arce, presto una controrelazione. Dopo l’importante consulenza depositata dalla dottoressa Cattaneo – l’anatomopatologa che ha seguito tutti gli accertamenti sul corpo di Serena – ora la difesa dei Mottola (padre, madre e figlio) rappresentata dall’avvocato Francesco

ARCE – Delitto Mollicone. La porta resta la chiave del giallo

ARCE – Non è la prima volta che i media nazionali riaccendono i riflettori sul giallo di Arce. Ma ora che la verità sulla morte di Serena si fa più vicina, ora che le prime indiscrezioni della relazione della professoressa

ARCE – Delitto di Serena, vicini alla verità

ARCE – Delitto di Arce, a giorni il deposito delle ultime relazioni attese dai consulenti. «In settimana sapremo. Un momento importante per l’inchiesta» ha ribadito ieri il procuratore di Cassino, Luciano D’Emmanuele. Importante in ordine a due punti fondamentali: quello

ARCE – Morte di Santino Tuzi. Chiesta una proroga

ARCE – Un unico accertamento. L’ultimo, quello mancante. Quello, forse, fondamentale. Sarà per questo che il titolare dell’inchiesta, Alfredo Mattei, ha chiesto un’altra proroga d’indagine. Per chiudere il cerchio. I passaggi sono tecnici e per gli addetti ai lavori anche

ARCE – Serena, accertamenti sui vestiti

ARCE – E’ nell’informazione genetica contenuta in uno degli acidi nucleici più famoso del mondo (l’altro è l’rna) che va cercata la verità sulla morte di Serena Mollicone. Lo sa bene la Procura di Cassino, che grazie alla decisione del

ARCE – Giallo di Arce: Mottola fa scena muta

ARCE – E’ ancora avvolto nel mistero il giallo della giovane Serena Mollicone. A distanza di oltre quindici anni sulla storia ancora troppi misteri irrisolti. Mercoledì pomeriggio Franco Mottola, l’ex maresciallo accompagnato dal suo avvocato Francesco Germani, è stato interrogato

ARCE – La verità è ormai vicina

ARCE – L’anello di congiunzione tra le nuove indagini volute dalla Procura di Cassino su richiesta dei familiari di Serena Mollicone e quella di Santino Tuzi è rappresentato da quelle tre righe del dispositivo del giudice Lanna che pone come

ARCE – Il caso Mollicone a “Petrolio”. Nel Dna la prova schiacciante

ARCE – Casi irrisolti e nuove tecnologie d’indagine, Rai Uno torna a parlare del delitto Mollicone. E’ andata in onda nella tarda serata di lunedì scorso la trasmissione “Petrolio” condotta dal giornalista Duilio Giammaria. Nella puntata dal titolo “Prova schiacciante”,

ARCE – Le nuove verità su Serena

ARCE – Quella firma per consentire di riesumare il corpo di sua figlia gli sarà sembrata la cosa più difficile da fare. Eppure papà Guglielmo crede fermamente nell’operato della Procura di Cassino e di tutti gli investigatori che stanno divorando

ARCE – Omicidio Mollicone. Si torna in caserma

ARCE – Delitto di Arce, disposti nuovi accertamenti sulla porta contro cui Serena potrebbe aver battuto violentemente la testa. Ieri mattina, con l’intervento di un tecnico, gli inquirenti sono tornati ancora una volta nella caserma di Arce, ispezionata già a

ARCE – La difesa di Serena passa all’attacco. E definisce i dettagli

ARCE – Sono due i campi in cui muoversi, quelli individuati dalla difesa della famiglia Mollicone, per rintracciare l’assassino di Serena. Si tratta della definizione delle categorie per procedere nella comparazione di profili genetici e di impronte. E del campo

Caso Mollicone. Attesa per conoscere le verità nascoste

ARCE – I rimi risultati formali sugli accertamenti effettuati dai carabinieri del Ris e dai colleghi della caserma di Pontecorvo arriveranno fra alcuni mesi. Ma le prime verità – come confermato ieri mattina dal procuratore capo di Cassino D’Emmanuele –

Serena, una lotta contro il tempo

ARCE – Il “nemico” con cui confrontarsi è il tempo. Nella ricerca dell’assassino di Serena Mollicone, impunito per 15 lunghi anni, ora che si è entrati nel cuore della nuova fase operativa gli inquirenti dovranno misurarsi con tutte le loro

ARCE – Ris sulle tracce dell’assassino

«Il tempo non guarisce le ferite. Ma sono fiducioso» «Finalmente ci siamo. Vedo che si sta lavorando come si deve e ho piena fiducia che si arrivi alla verità. Quattordici anni fa non sono stato creduto. L’ho detto sin da

ARCE – A caccia delle tracce nascoste

ARCE – Le indagini sull’omicidio di Serena Mollicone ripartono dalla ricerca di tracce ematiche e biologiche all’interno dell’alloggio di servizio della caserma dei carabinieri di Arce che, all’epoca del delitto, ospitava la famiglia del maresciallo Franco Mottola. Un esame, per

ARCE – La verità nella pen drive di Tuzi

ARCE – Magari è un dettaglio senza importanza, magari no. Un fatto è certo: il giudice Angelo Valerio Lanna, disponendo la proroga delle indagini sull’omicidio di Serena Mollicone, ha indicato come primo punto da approfondire il seguente: «La nuova ricostruzione

ARCE – Riesumazione di Serena Mollicone «L’esame potrebbe non essere utile»

ARCE – «Nell’ipotesi in cui si dovesse decidere per la riesumazione, ciò non avverrebbe all’insaputa della famiglia». Stando a quanto riferisce il legale della famiglia Mollicone, l’avvocato Dario De Santis, è stata questa la rassicurazione fornita dal procuratore di Cassino,

Strane omissioni sullo scotch

GIALLO MOLLICONE – Un amico di Tuzi indicò un collegamento tra il nastro di Belli e quello usato nel trasloco dei Mottola. Il testimone fece due nomi, ma nelle richieste di archiviazione per il delitto e il suicidio il dettaglio

Arce – Delitto Mollicone. Il Gip: “Le indagini continuano”

Omicidio Serena Mollicone: continuano le indagini. Lo ha deciso il giudice per le udienze preliminari. ARCE – E’ arrivata la decisione del giudice Angelo Valerio Lanna: accolta la richiesta di opposizione all’archiviazione dell’omicidio di Serena Mollicone, avvenuto circa quindici anni

«Collaboriamo per la verità»

ARCE – La Procura non ha mai ritenuto che ci fossero gli elementi per trattare le due morti, l’omicidio di Serena Mollicone e il suicidio del brigadiere Santino Tuzi, come un unico caso. Ma a quanto pare le resistenze non

Serena aspetta giustizia

Ieri l’udienza a Cassino sulle richieste di archiviazione per il delitto MOllicone, dopo ore interminabili d’attesa il giudice si è riservato. Gli avvocati dei 6 indagati, papà Guglielmo insieme a suo fratello e ad una consulente, hanno varcato la porta

ARCE – Delitto Mollicone, nuovo appello del padre

ARCE – Guglielmo Mollicone su Rai Uno per dire no all’archiviazione del caso. Ampio spazio al giallo di Arce nella trasmissione “La vita in diretta” andata in onda lunedì pomeriggio. Il rotocalco condotto da Matteo Liorni ha dedicato quasi mezzora

ARCE – Mollicone: Santino è morto perché sapeva

ARCE – «Santino è morto per aver detto quello che sapeva sulla vicenda di Serena». A margine della conferenza stampa indetta da Maria Tuzi, figlia del brigadiere trovato morto nel 2008 ad Arce proprio per illustrare i nuovi elementi per

SORA – Due casi “uniti” dallo scotch

SORA – Un nastro adesivo unisce due misteri irrisolti che hanno devastato le famiglie delle vittime e sconcertato l’opinione pubblica. Diversi nuovi elementi per riaprire il caso della morte del carabiniere Santino Tuzi, sempre più indissolubilmente legata alla scomparsa di

ARCE – Lo trovarono nella sua auto vicino alla diga. Era il 2008

ARCE  – E’ l’11 aprile 2008 quando il brigadiere Santino Tuzi viene trovato morto nella sua auto in un luogo appartato, vicino alla diga Enel di Campostefano. A trovarlo senza vita, vestito in borghese, sono stati alcuni operai che hanno

ARCE – Tutti pronti per la prova del Dna. Il padre: «Non è certo il paradiso ma il paese è cambiato»

ARCE – Cittadini pronti alla prova del Dna. Il paese c’è e si schiera a fianco della famiglia Mollicone e della proposta avanzata dal generale Luciano Garofano. Nelle piazze e nei bar non si parla d’altro. Si discute sull’eventualità di