ARCE – «Carmine Belli ha bisogno di un lavoro». Caso Mollicone Ieri da “La vita in diretta” Alberto Matano lancia l’appello. La verità su Serena sempre più vicina

ARCE – Il caso Mollicone ancora protagonista delle televisioni nazionali. Ieri ospiti a “La vita in diretta” su Rai Uno in studio Carmine Belli, il meccanico che per primo fu accusato dell’omicidio di Serena e, in collegamento da Arce, il padre Guglielmo. La storia della diciottenne uccisa e trovata priva di vita in un boschetto dell’Anitrella tiene banco da quasi […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE – Maria Tuzi sarà accanto a Guglielmo. La verità è vicina. L’emozione e la forza della figlia del brigadiere. Le difese si preparano

ARCE – «La verità sulla morte di Serena e su quella di mio padre non è più un obiettivo inarrivabile. Con la fissazione della data dell’udienza preliminare siamo sicuri che ogni cosa prenderà forma: sono certa che verrà affrontato ogni singolo aspetto che porterà, finalmente, alla verità». Non ha dubbi, Maria Tuzi – figlia del brigadiere che per primo indicò […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE – «Non è stato protetto abbastanza». La procura chiude il cerchio sulla morte di Serena: la verità è vicina anche per il caso Tuzi con un’intercettazione inedita. La figlia Maria non ha dubbi: «Mio padre poteva essere vivo». Pressioni, silenzi e undici anni nell’attesa di questo momento

ARCE – «Non è stato protetto abbastanza. Se qualcuno l’avesse allontanato o trattenuto, mio padre sarebbe ancora vivo». Maria Tuzi non ha molti dubbi: suo padre, il brigadiere che per primo indicò la presenza di Serena in caserma il 1° giugno del 2001, poteva essere salvato. La procura ha chiuso il cerchio sul caso Mollicone. Come ti senti? «Quando si […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE – «Io in galera, gli altri liberi». Carmine Belli parla a ventiquattr’ore dalle richieste di rinvio a giudizio avanzate dalla procura per l’omicidio di Serena

ARCE – Delitto di Arce, si riparte dopo 18 anni. A ventiquattr’ore dalla richiesta di rinvio a giudizio da parte del Pm nei confronti dell’ex maresciallo Mottola, del figlio e della moglie ma anche nei confronti (per ipotesi differenti) di Quatrale e Suprano, si riaccende la speranza di papà Guglielmo di ottenere finalmente giustizia per sua figlia nonostante i depistaggi, […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE/DELITTO MOLLICONE – La sorella di Serena entrerà nel processo. All’apertura di un prossimo procedimento giudiziario si costituirà parte civile

ARCE – Ci sarà anche la sorella di Serena tra le parti civili che si costituiranno quando verrà aperto un procedimento che servirà a chiarire ogni terribile dubbio che avvolge la morte della studentessa di Arce. Per questo, a 18 anni dalla morte di Serena, sarà l’avvocato Sandro Salera a rappresentare la sorella Consuelo. Il 1° giugno 2001, lo ricordiamo, […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE – Delitto Mollicone, inchiesta chiusa. Il papà: “Siamo vicini alla verità”

ARCE – Dopo 18 anni dalla scomparsa di Serena Mollicone, dopo una mole impressionante di lavoro che ha rischiato più di una volta di finire nel baratro dell’archiviazione, grazie alla forza di papà Guglielmo e alla competenza di inquirenti pronti a tutto, l’inchiesta sulla morte della studentessa di Arce è stata chiusa. La notifica, ieri mattina, dell’avviso di conclusione delle […]

Share Button
Continua a leggere

DELITTO MOLLICONE – Papà Guglielmo: «La famiglia Mottola mente»

Da ilquotidianodellazio.it Un’informativa di centinaia di pagine nella quale si ricostruisce l’omicidio di Serena Mollicone. Per i Carabinieri del comando provinciale di Frosinone e i colleghi del Ris, a colpire la ragazza, il primo giugno del 2001, sarebbe stato Marco Mottola, figlio dell’ex comandante della caserma dei Carabinieri di Arce. Il litigio sfociato poi in omicidio, sarebbe avvenuto in uno […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE – Belli e Mollicone. Due vite e un unico destino

ARCE – Sembrano due vecchi amici al bar. Scherzano, parlano di tutto, cercano ancora una volta di capire qualcosa in più, in ogni parola che ripercorre uno dei delitti più atroci della storia d’Italia. Atroce per l’uccisione di una ragazza di 18 anni (morta per i suoi ideali), atroce per il luogo in cui sarebbe avvenuta: una caserma, simbolo per […]

Share Button
Continua a leggere
1 2 3 9