ARCE – Serena, la verità dei Mottola. Il punto L’ex maresciallo parla attraverso i suoi avvocati e per la prima volta dopo diciotto anni prende parte a una conferenza. Papà Guglielmo: «Una scelta strategica»

ARCE – L’arma del delitto Mollicone non sarebbe la porta della caserma di Arce. Anzi, per la difesa dei Mottola, non lo è senza ombra di dubbio. «Siamo solo di fronte a ombre di indizi. Non ci sono elementi certi, gravi precisi e concordanti a carico dell’ex maresciallo e della sua famiglia. E con mere ipotesi, si può parlare soltanto […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE – Mollicone, l’Arma accanto al papà. I carabinieri annunciano di volersi costituire parte civile nel processo che si aprirà tra otto giorni a Cassino. Ora si attende la decisione dell’Avvocatura dello Stato. Il generale Nistri incontra Guglielmo, da padre a padre

ARCE – Il processo atteso da diciotto anni, quello per il caso di Serena Mollicone, si avvicina. E a otto giorni dall’udienza preliminare è arrivata la notizia che l’Arma dei carabinieri vuole costituirsi parte civile: la stessa identica strada seguita per il caso Cucchi, in cui per la prima volta l’Arma ha chiesto scusa alla famiglia. E adesso lo ha […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE – Maria Tuzi sarà accanto a Guglielmo. La verità è vicina. L’emozione e la forza della figlia del brigadiere. Le difese si preparano

ARCE – «La verità sulla morte di Serena e su quella di mio padre non è più un obiettivo inarrivabile. Con la fissazione della data dell’udienza preliminare siamo sicuri che ogni cosa prenderà forma: sono certa che verrà affrontato ogni singolo aspetto che porterà, finalmente, alla verità». Non ha dubbi, Maria Tuzi – figlia del brigadiere che per primo indicò […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE – «Non smetterò mai di lottare per mia figlia». Alla “Vita in Diretta” papà Guglielmo non abbassa la guardia

ARCE – «Serena non aveva nemici. Aveva i suoi ideali, quelli che l’hanno portata in caserma a fare una denuncia contro lo spaccio, perché in quegli anni ad Arce era una giungla. Credo che ci sia stata omertà: non credo che Serena, sbattuta alla porta, non abbia urlato. Come è possibile che nessuno abbia sentito? Come non accorgersi di quel […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE/IL RICORDO – Diciotto anni passati sapendo di averla con sé. Una messa in suffragio della figlia. E quella poesia che non sbiadisce mai

ARCE – Ne conserva ancora una manciata di stampe, sotto le foto di Serena sorridente, che troneggiano tra scaffali pieni di libri e cultura. In quei versi, tutto l’amore di un padre che non si è arreso. Una poesia commovente che Guglielmo ha scritto per lei, così profonda da far venire un nodo in gola. Papà Guglielmo «affronta la vita […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE – Elezioni comunali di Arce, Mollicone: politici corresponsabili moralmente per mia figlia e gli atri giovani caduti

ARCE – «Non l’avrei mai fatto se alcuni personaggi non si fossero candidati per le elezioni amministrative. Letti i nominativi ufficiali delle liste presentate ufficialmente mi son sentito in dovere di dire come io la penso al proposito»: così in proposito Guglielmo Mollicone a margine della campagna elettorale per le amministrative del 26 maggio. “Io ritengo gli amministratori del 2001 […]

Share Button
Continua a leggere

DELITTO MOLLICONE – Papà Guglielmo: «La famiglia Mottola mente»

Da ilquotidianodellazio.it Un’informativa di centinaia di pagine nella quale si ricostruisce l’omicidio di Serena Mollicone. Per i Carabinieri del comando provinciale di Frosinone e i colleghi del Ris, a colpire la ragazza, il primo giugno del 2001, sarebbe stato Marco Mottola, figlio dell’ex comandante della caserma dei Carabinieri di Arce. Il litigio sfociato poi in omicidio, sarebbe avvenuto in uno […]

Share Button
Continua a leggere

ARCE – Belli e Mollicone. Due vite e un unico destino

ARCE – Sembrano due vecchi amici al bar. Scherzano, parlano di tutto, cercano ancora una volta di capire qualcosa in più, in ogni parola che ripercorre uno dei delitti più atroci della storia d’Italia. Atroce per l’uccisione di una ragazza di 18 anni (morta per i suoi ideali), atroce per il luogo in cui sarebbe avvenuta: una caserma, simbolo per […]

Share Button
Continua a leggere
1 2 3 4