Ad Arce resta chiusa quella dei Frassi – ‘Cittadini e non bestie!’

ARCE – «Cittadini e non bestie!».
Il consigliere del Pdl, Sara Petrucci, non tarda a replicare duramente alle parole del primo cittadino di Arce, che in un suo comunicato aveva definito «secondo normativa» la chiusura al traffico della Sant’Eleuterio-Tramonti avvenuta con l’apposizione di enormi massi sulle carreggiate.
«Appare davvero difficile – scrive il capogruppo del Pdl – dover rispondere a chi travisa la realtà e non tiene in debito conto neanche le domande elementari che vengono poste. I fatti sulla questione – spiega ancora Sara Petrucci – sono ben chiari a tutti:
1) la strada Sant’Eleuterio-Tramonti è stata definita pericolosa. Abbiamo semplicemente chiesto, in base a che cosa? Non abbiamo avuto risposta, non sono state neanche citate le evidenze documentali.
2) Abbiamo semplicemente chiesto: c’è una frana in atto? Come la stiamo monitorando? Anche qui nessuna risposta.
3) Abbiamo chiesto: è normale sbarrare una strada scaricando delle pietre sulla carreggiata? La normativa vigente non sembra contemplare barriere di tal genere per bloccare la circolazione. Non basta dire “lo abbiamo fatto secondo la normativa vigente”, occorre citare anche gli estremi delle normative a cui si fa riferimento.
4) Abbiamo semplicemente chiesto, siamo sicuri che quella barriera non rappresenta essa stessa un pericolo? Non ci è stata data risposta. Ci sembra inconcepibile che per il comportamento di pochi (coloro che hanno rimosso le barriere) si possono considerare tutti i cittadini alla stregua degli animali che hanno bisogno di una barriera di pietre per capire che la strada non è agibile! Francamente – aggiunge ancora la Petrucci – ci appare anche assurdo, che un sindaco arrivi a scagliarsi contro una testata giornalistica perché riporta la realtà dei fatti con tanto di foto. Noi – conclude – la normativa la conosciamo: caro sindaco, faccia togliere quelle pietre e segnali in maniera idonea l’interruzione della strada. Questa è l’unica cosa da fare. Poi, invece dei “bla, bla, bla”, trovi le risorse per sistemarla!».
 

83
Da: ; ---- Autore: