‘Adesso la triade trema’ – Marzilli incita, Calcagni condivide e Petrucci affonda: accozzaglia che fa acqua

ARCE – Crisi in giunta, opposizione scatenata contro il primo cittadino: «Gestione dissennata!».
I mal di pancia dell’assessore Domenico Sugamosto rianimano le forze d’opposizione che si scagliano soprattutto contro il sindaco Simonelli.
«Questa mattina – ha detto il consigliere Marcello Marzilli – non appena ho appreso la notizia, ho chiamato Sugamosto per esprimergli la mia vicinanza e la mia personale solidarietà. Era amareggiato e deluso. La sua, è una forte dimostrazione di dignità politica e di indipendenza. Il Re, il vice Re e Richelieu – prosegue l’ex assessore, probabilmente riferendosi al sindaco, al capogruppo e al presidente del consiglio comunale – sono avvertiti. Se pensavano che Sugamosto era servito solo per portare voti necessari alla vittoria, ora si devono ricredere e si dovranno “raccomandare” anche a lui. Forza Domenico, non indietreggiare».
Più cauto il commento di Gianni Nardone del gruppo “Socialismo 2000-Partito del Lavoro”.
«Queste notizie trapelate dal palazzo – dice – non mi giungono nuove, ma meritano un attento approfondimento. Non vorrei che sotto le indiscrezioni ci siano altre questioni più squisitamente interne. Comunque – ha concluso – nel prossimo consiglio comunale presenterò un’interrogazione sul caso per cercare di far emergere la verità dei fatti».
«Se le doglianze di Sugamosto sono effettivamente quelle riportate dalla stampa – ha detto invece l’ex assessore ai lavori Pubblici – non posso che condividerle. D’altronde – ha aggiunto Calcagni – sono le stesse motivazioni che mi hanno portato a contestare un sistema accentratore gestito dal sindaco Simonelli e da pochi altri “prediletti”. Sugamosto – ha concluso – faccia le sue valutazioni e pensi seriamente se vale la pena rimanere in questa amministrazione a scaldare qualche poltrona».
Molto dura anche la posizione della pidiellina Sara Petrucci.
«L’ennesima dimostrazione di un’accozzaglia politica che imbarca acqua da tutte le parti. Roberto Simonelli – ha aggiunto – è sempre più solo e arroccato nel suo comportamento accentratore. Già in consiglio comunale avevo notato, proprio in occasione di qualche mia interrogazione, che a Sugamosto gli viene tolta sistematicamente la parola su argomenti di sua competenza, mettendolo in difficoltà e, di certo, non facendogli fare una bella figura. Spero per lui – ha concluso la Petrucci – che porti avanti questo scatto di orgoglio senza passi indietro e non faccia, come qualche altro suo collega di maggioranza, che alza polveroni per poi ottenere qualche cosa».

22
Da: ; ---- Autore: