‘Agiscono con leggerezza e poi corrono ai ripari’ – Il consigliere Marzilli sull’iter dei lavori alla scuola

 

ARCE – «Allora non era tutto a posto! Il Comune fa autogol sull’iter procedurale dell’ex scuola dell’infanzia».
E’ il momento del consigliere d’opposizione Marcello Marzilli dopo aver appreso la notizia dell’affidamento dell’incarico ad un tecnico esterno, avvenuto qualche giorno fa, per il coordinamento della sicurezza nei lavori di costruzione del nuovo complesso scolastico di via Magni.
Secondo l’ex assessore ai servizi sociali, gli uffici sarebbero corsi ai ripari dopo i molteplici esposti fatti dallo stesso e dopo rassicurazioni che sulla vicenda era tutto a posto.
«Strani modi di agire nel nostro comune! – Esordisce Marzilli. – Prima affermano che nell’iter procedurale della demolizione della ex scuola media tutte le procedure sono regolari e poi riconoscono implicitamente che così non è. Prima di passare alla fase esecutiva della demolizione – spiega il consigliere – l’ente avrebbe dovuto far redigere il piano di sicurezza e il coordinamento, come io avevo sollecitato. Ora ho appreso con soddisfazione che il responsabile dell’Utc ha emesso, il 15 febbraio scorso, la determina numero 80 con la quale ha incaricato un ingegnere di svolgere le funzioni di coordinatore per la sicurezza nella fase di esecuzione e di realizzazione del progetto. Meglio tardi che mai – ha continuato Marzilli – anche se la vigilanza e il coordinamento andavano effettuati nella fase della progettazione. E’ singolare la leggerezza e l’approssimazione che riscontro ogni giorno. Eppure basterebbe che in comune prestassero solo più attenzione ai miei suggerimenti e agissero in modo meno ideologico. La mia battaglia contro la demolizione della ex Scuola Media, comunque, continua. Non sta né in cielo né in terra – ha concluso – che venga abbattuta una struttura integra. La maggioranza che governa Arce non è la padrona del paese è solo l’amministrazione e deve rispettare la legge».

 

48
Da: ; ---- Autore: