‘Allerta meteo, scarsa comunicazione’ – L’opposizione chiede spiegazioni al consigliere delegato

Con una interrogazione a risposta scritta indirizzata al consigliere comunale con delega alla Protezione civile i consiglieri comunali Antonello Quaglieri, Mario Lancia e Daniele Simone del Gruppo “Roccadarce Progetto Comune”, anche alla luce dell’ultima nevicata che ha suscitato tante lamentele da parte dei cittadini per come è stata gestita, hanno chiesto delucidazioni circa il piano comunale di emergenza di protezione civile e la relativa copia. Il gruppo consiliare ritiene che il piano sia uno strumento indispensabile per fronteggiare le emergenze in aree soggette a rischio di calamità naturali e che l’informazione alla popolazione è una delle questioni centrali di un moderno sistema di protezione civile. Quindi anche la condivisione con la cittadinanza di un piano strategico si rende necessaria. La possibilità di conoscere i rischi del territorio in cui si vive, di sapere qual è il livello di allerta in corso e di poter imparare i comportamenti corretti da adottare in caso di emergenza, sono esigenze fondamentali per garantire la sicurezza della cittadinanza. Per affrontare in maniera ottimale un’emergenza occorre anche che la cittadinanza sappia come comportarsi. Per saperlo, nel corso di un’emergenza, è necessario aver già ricevuto informazioni prima degli eventuali eventi.
Con la nota della regione Lazio “Azienda Regionale di Protezione Civile” Prot. 719838 del 29 dicembre 2014 inviata ai sindaci dei Comuni del Lazio, con oggetto Emergenza neve e gelo, erano già state messe a conoscenza le amministrazioni di tali eventi e nella stessa si chiedeva di attivare un canale di comunicazione con i cittadini, attraverso il proprio sito web o altri sistemi di comunicazione, per fornire tutte le informazioni utili nonché i comportamenti da adottare in occasione di tale tipologia di eventi. Proprio per queste ragioni i consiglieri di minoranza vogliono sapere il perché della mancata attivazione di un canale di comunicazione con i cittadini, per fornire tutte le informazioni utili anche in considerazione che per comunicazioni di eventi culturali il sistema dei messaggi telefonici è attivo così come il sito web istituzionale. Hanno inoltre richiesto: se sono state poste tutte le forme di supporto logistico, di mezzi e di risorse per permettere alla Protezione Civile locale far fronte agevolmente e con tempestività alle situazioni di emergenza; di riferire sullo stato di attuazione del piano comunale della protezione civile e sullo stato di aggiornamento previsto (nell’occasione si chiede copia del piano comunale di protezione civile del Comune di Roccadarce); quali sono i mezzi comunali preposti alle situazioni di emergenza e quali sono stati quelli utilizzati nell’ultimo evento nevoso; le motivazioni della mancata divulgazione e pubblicità (anche attraverso il sito web) del piano comunale di protezione civile; se esiste una ricognizione dei soggetti “deboli” che necessitano di tempestivo supporto.
«Queste occasioni – spiega il capogruppo Quaglieri – devono fornire a fare riflessioni serie per pianificare con sapienza e tempestività la sicurezza del territorio ed i servizi connessi che le amministrazioni sono tenute a garantire. Ringraziamo coloro che con mezzi privati si sono adoperati nel servizio di spazzamento della neve nelle vie del paese».

36
Da: ; ---- Autore: