Allevatori rimessi in libertà – Ieri l’udienza di convalida per i tre, il giudice ha disposto la scarcerazione

Rimessi in libertà gli allevatori di Colfelice tratti in arresto mercoledì sera con l’accusa di danneggiamento aggravato, violenza, minacce e resistenza a pubblico ufficiale, percosse e maltrattamenti di animali. Udienza di convalida ieri per il capofamiglia di 49 anni ed i suoi due figli di 19 e 25 anni che, secondo l’accusa, si sarebbero scagliati contro una troupe televisiva di “Striscia la Notizia” e contro i Carabinieri dei Nas, intervenuti sul posto. Il Giudice non ha convalidato l’arresto del padre e per il minore dei due figli; ha invece convalidato l’arresto, ma solo per l’accusa di danneggiamento aggravato (dei supporti video della troupe), per il 25enne nei cui confronti è stato disposto l’obbligo di firma. I tre allevatori, dunque, tornano in libertà. Resta, in sostanza, in piedi solo una delle accuse mosse nei confronti del figlio maggiore che tornerà in aula a settembre. La reazione all’intervento dei giornalisti del programma satirico di Canale 5 sarebbe stata sostanziata, secondo la tesi difensiva dell’avvocato Arturo Buongiovanni, dai loro ripetuti e pregressi tentativi di accesso all’interno dell’azienda agricola di famiglia, avvenuti già nel giorno precedente all’arresto. L’intervento delle telecamere di “Striscia” potrebbe essere stato sollecitato da qualche “soffiata” sui presunti sospetti di maltrattamento di animali. Per questo, Edoardo Stoppa e la sua troupe avevano tentato di varcare i cancelli della tenuta agricola. La situazione, dopo il successivo arrivo dei Nas, era precipitata. L’intervento dei Carabinieri di Arce giunti immediatamente sul posto, coordinati dal capitano Pierfrancesco Di Carlo, ha portato all’arresto in fragranza di reato i tre allevatori che ora sono tutti a piede libero. La struttura, dove sono stati trovati dai Nas 2 cani, 3 capi equini, 6 bovini mancanti del previsto sistema di identificazione, necessario per la tracciatura dei capi ai fini veterinari, era stata posta sotto sequestro.

24
Da: ; ---- Autore: