Arrestato stupatore romeno – Quando si è verificato l’agguato la donna stava passeggiando in località Fontanelle

ARCE – Finisce in manette il pastore romeno accusato di violenza sessuale ai danni di una casalinga 50enne del luogo.
Nicolae Chiciotà, di 37 anni, queste le generalità dell’uomo che, nel tardo pomeriggio di giovedì scorso avrebbe avvicinato una massaia arcese con l’intenzione di stuprarla.
La 50enne stava passeggiando nei pressi di località Fontanelle, in aperta campagna, quando il pastore, un romeno senza fissa dimora, le si è parato davanti. Un vero incubo per la donna aggredita, palpeggiata e quasi denudata dal 37 enne che avrebbe tentato di abusare sessualmente di lei. Dopo aver urlato, ma senza riuscire a richiamare l’attenzione di nessuno e liberandosi della stretta del suo aguzzino la 50enne è fuggita. La vittime si è subito rivolta ai carabinieri della locale stazione che, collaborati dai militari della Compagnia di Pontecorvo agli ordini del capitano Pierfrancesco Di Carlo, hanno immediatamente fatto scattare le ricerche, battendo palmo a palmo tutto il territorio. Nella tarda serata sono riusciti a trovare il 37enne, che era nascosto nella boscaglia. Per lui sono scattate le manette. Dalle indagini è emerso, poi, che il romeno, nei giorni precedenti a quello dell’agguato, aveva tentato di violentare altre donne, le quali, però, per pudore o vergogna, avevano preferito tacere sull’accaduto. L’uomo, subito dopo l’arresto, è stato condotto presso la casa circondariale di Cassino, dove attualmente si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria. Nella giornata di oggi dovrebbero avere luogo l’interrogatorio di garanzia e l’udienza di convalida del fermo. Chiciotà, in forza della vigente normativa sullo stupro, è accusato di violenza sessuale.

66
Da: ; ---- Autore: