Aspettando San Martino, sempre più in alto – Quarantasette cantine, record di presenze. La visita alla cantina 41, la “Cantina Dissonante”. Sfatato il probabile maltempo e qualche ‘corvo’

ARCE – Aspettando San Martino 2012 – quinta edizione, un successo indescrivibile di pubblico, e sicuramente con un aumento di visitatori rispetto alla passata edizione.
L’evento, organizzato dall’associazione “Nuovi Segnali”, con il presidente Bernardino Bartolomei, quest’anno giunto alla V edizione, ha superato ogni aspettativa di successo. Le Cantine, quarantasette, disseminate lungo il caratteristico Centro Storico di Arce, hanno fatto rivivere ai visitatori giunti dai paesi limitrofi, e non solo, le bellezze del Centro Storico di Arce, i sapori della gastronomia locale e la buona musica tutta rigorosamente dal vivo.
Una delle Cantine che ha caratterizzato una presenza massiccia di pubblico, è stata la “Cantina Dissonante”, posizionata al numero 41. Infatti, alle prime note eseguite di una delle tante “Ballarelle ciociare”, il piazzale si è animato alla grande.
La cucina, organizzata dal “Brigante” Giulio con il suo staff, è stata letteralmente presa d’assalto, le “Casarecce alla bella figliola” le “salsicce e fagioli al torchiaiolo,  la “curatella del brigante” e i “fagioli a pan man”, insieme al buon vino rosso, sono state le più richieste.
Sul palco della Cantina Dissonante i Dissonanti, con l’ausilio del “Dissoservice” di Infolabsystem ha animato a suon di “pizziche”, “tammurriate”, “Tarantelle” e “Ballarelle”, il piazzale è stato sempre costantemente gremito dai tanti ballerini e gente comune, sottolineando con i tanti applausi il successo della formula organizzativa della Cantina Dissonante e dell’organizzazione dell’associazione “Nuovi Segnali”.

Nella galleria fotografica le foto, curate da Franco Germani, le cantine alle ore 18 prima dell’apertura.

74
Da: ; ---- Autore: