Calcagni all’opposizione e l’assise pronta per il web – Convocato per domani alle 19.30 il consiglio comunale

ARCE – La revoca dell’assessore Calcagni, arriva in consiglio.
E’ la comunicazione ufficiale del sindaco Simonelli, prevista, con un punto aggiuntivo all’ordine del giorno, nella massima assise civica che si terrà domani sera alle 19.30.
Salvo sorprese, dunque, Emanuele Calcagni andrà a sedersi tra i banchi dell’opposizione, mettendo, di fatto, fine all’unità della lista “Liberamente per Arce”. C’è attesa per le dichiarazioni con le quali l’ex assessore motiverà la sua decisione di abbandonare il gruppo di maggioranza, all’indomani dell’estromissione dalla giunta. Bisognerà anche verificare se Calcagni deciderà di fondare un nuovo gruppo consiliare (sarebbe il sesto, di cui ben cinque in minoranza) o se aderire ad un gruppo già esistente a lui vicino. La sua posizione politica, infatti, viene data per molto vicina all’area del Popolo della Libertà e al coordinatore provinciale Franco Fiorito. Se così fosse, non sarebbe da escludere un’adesione al gruppo Pdl guidato da Sara Petrucci. Ma per ora rimane solo un’ipotesi. Quello che invece appare chiaro è la volontà di Calcagni di insidiare il lavoro della maggioranza. Nei giorni scorsi, l’ex assessore, avrebbe fatto alcune richieste di atti, dicendosi pronto a porre le proprie attenzioni su «questioni scottanti».
Intanto il presidente del consiglio comunale si sta muovendo sulla proposta della trasmissione on line delle sedute web, convocando, sempre per lunedì pomeriggio, prima del consiglio, una riunione dei capigruppo finalizzata proprio ad individuare soluzioni per far si che il progetto sia realizzato. In tal senso, il consigliere Gianni Nardone, che mesi fa ha avanzato una mozione sull’argomento, ha fatto sapere che ci sono alcune sostanziali novità.
«Proprio ieri sera – ha detto Nardone – mi è stata consegnata una nota in cui un cittadino di Arce, titolare di un’azienda attiva nel settore informatico, si è dichiarato disposto a provvedere alle trasmissioni dei consigli comunali a titolo completamente gratuito. A questo punto voglio proprio verificare quale sarà l’atteggiamento dell’amministrazione Simonelli di fronte a questa disponibilità, messa nero su bianco, del tutto priva di oneri per l’ente comunale, realizzata in cambio di ritorni pubblicitari. Mi sembra un’occasione unica – ha concluso Nardone – per realizzare una trasparenza amministrativa di cui si parla spesso, ma si applica poco».

38
Da: ; ---- Autore: