Capigruppo compatti per l’ambiente – La volontà è opporsi a una gestione incauta dei rifiuti

ARCE – Unanimità d’intenti sulle tematiche ambientali.
La prima conferenza dei capigruppo della nuova consiliatura ha fatto registrare una piena condivisione tra le diverse forze politiche del paese.
La riunione si è tenuta lunedì pomeriggio nell’aula consiliare, presieduta dal presidente del consiglio Gianfranco Germani, alla presenza dei capogruppo Marco Marzilli (Liberamente per Arce), Luigi Germani (Insieme per Arce Democratica), Sara Petrucci (Pdl), Gianni Nardone (Giustizia e Libertà per Arce), Marcello Marzilli (Arce nel Cuore), del sindaco Roberto Simonelli e dell’assessore all’Ambiente Vincenzo Colantonio. Un incontro definito fattivo, nel quale è emersa la volontà degli amministratori arcesi di opporsi con forza ad una gestione incauta dei rifiuti. Il riferimento è esplicito a quello che sta emergendo dopo la relazione dell’Arpa Lazio sul rinvenimento di materiali radioattivi presso l’inceneritore di San Vittore e provenienti dalla Saf di Colfelice.
L’assessore all’Ambiente ha presentato un documento nel quale viene fotografata l’attuale situazione del ciclo dei rifiuti in provincia di Frosinone. Dati inquietanti, a cui si aggiungono prospettive di progetti futuri che vanno ulteriormente ad aggravare irrimediabilmente il quadro generale. Tra questi, c’è senz’altro il piano di riconversione dello stabilimento Saf di Colfelice da impianto di riciclaggio a quello di produzione di combustione derivato dai rifiuti, la triplicazione della potenza del termovalorizzatore di San Vittore del Lazio e la ventilata ipotesi di estensione della discarica di Roccasecca in località Cerreto. Progetti in netta controtendenza con le stesse norme europee e regionali, che impongono alle amministrazione locali soglie di raccolta differenziata del 40% per il 2010 e del 50% per il 2011.
Oltre hai dati, Colantonio ha presentato una proposta aperta ai contributi e alla revisione delle varie forze politiche, con il fine di arrivare ad una deliberazione di consiglio comunale forte e unitaria. Tra le proposte contenute nel documento dell’assessore c’è la rimodulazione delle tariffe di smaltimento alla Saf secondo il livello di differenziazione operato dai comuni. L’istituzione di una commissione di controllo sulla gestione dell’intero ciclo e un sistema di monitoraggio del territorio su inquinamento e diffusione delle malattie. Nella delibera, inoltre, verrà ribadito la contrarietà del comune di Arce alla riconversione dell’impianto di Colfelice e ogni tipo di ampliamento della discarica di Cerreto. La riunione dei capigruppo è stata aggiornata a lunedì prossimo per consentire l’inserimento di proposte e la revisione del documento finale da portare in consiglio.

40
Da: ; ---- Autore: