Chiuse due arterie di comunicazione – Un’altra ordinanza riguarderà via Costarelle

 

ARCE – Sicurezza stradale, chiusi due tratti della comunale Colleone-Sant’Eleuterio e presto un’altra ordinanza di chiusura riguarderà via Costarelle.
L’amministrazione Simonelli prosegue la sua opera di messa in sicurezza del patrimonio comunale. E’ ormai una vera e propria campagna d’interventi che sembra allargarsi dagli edifici scolastici alla rete viaria cittadina, fino alle costruzioni pericolanti dei privati. Ieri mattina, la ditta addetta alla manutenzione delle strade, ha provveduto a sbarrare, così come disposto dall’ordinanza sindacale numero 23, due tratti della strada comunale Colleone-Sant’Eleuterio: il primo nei pressi dell’innesto con via Marzi fino a via Frassi e l’altro, da quest’ultima strada fino alla provinciale di Collealto. Poco più di mezzo chilometro di strada comunale in tutto che, da quando è stata realizzata, ha gravi problemi di cedimento del manto stradale, rendendo particolarmente pericoloso il transito. A nulla sono serviti gli interventi tampone che periodicamente sono stati eseguiti dalle passate amministrazioni. Con l’arrivo delle piogge i problemi di cedimento sono tornati a dissestare l’arteria, causando numerosi incidenti. Ora la contrada Frassi torna ad essere accessibile solo attraverso la via comunale omonima, così come lo era fino a trent’anni fa. Nei prossimi giorni, un’altra strada sarà chiusa al transito. Si tratta della via Costarelle, la piccola strada che dal largario della Madonna di Lourdes porta a piazzetta Tronconi e nella zona vecchia di Santa Maria. Qui l’ordinanza sindacale sarebbe stata emessa per il pericolo della caduta massi. Nelle ultime settimane, infatti,  sono state diverse le segnalazioni di massi sulla strada, franati dal costone di Roccadarce. Oltre alle strade, l’amministrazione comunale sta preparando anche un piano di messa in sicurezza degli edifici fatiscenti posti soprattutto al centro storico del paese. Sempre nei prossimi giorni, una prima ordinanza sindacale vieterà la sosta e la fermata nella zona adiacente il palazzo, da decenni in costruzione e mai ultimato, posto alla fine di via Magni, a ridosso del largario dell’ufficio postale.
Intanto, sempre ieri mattina sono iniziate le prove di carico ai solai della scuola elementare capoluogo eseguiti da una ditta specializzata. Nella giornata di oggi sono attesi i primi risultati che, se positivi, dovrebbero consentire il regolare avvio del nuovo anno scolastico.

 

145
Da: ; ---- Autore: