‘Colantonio si preoccupi della sua maggioranza’ – Marcello Marzilli contro l’assessore all’ambiente

ARCE – «Con una maggioranza alla ‘canna del gas’, l’assessore Colantonio farebbe bene a preoccuparsi dei suoi compiti e delle pessime condizioni della sua amministrazione».
Il consigliere d’opposizione Marcello Marzilli attacca duramente l’assessore all’ambiente Vincenzo Colantonio, che nei giorni scorsi aveva fortemente criticato il ruolo della minoranza consiliare.
«Ritengo che Colantonio – ha detto Marzilli – prima di arrischiarsi in arditi giudizi sul vice presidente della Provincia De Angelis dovrebbe chiarire alla gente di Arce tante cose. Per esempio, perché le aree prossime ai cassonetti sono diventate mini discariche; perché la raccolta differenziata non è proprio un successo; perché la raccolta differenziata non ha portato un centesimo di risparmio nelle tasche degli arcesi e perché i lavori per la famosa “isola ecologica”, da lui tanto “strombazzata”, sono ancora al palo. Certamente – continua l’ex assessore – lui che non guarda i timbri e le firme, non si sarà neanche accorto di questi dettagli che rientrano sulla carta nelle sue competenze. Allora ho pensato bene di “suggerirgli” qualche motivo di riflessione per occupare il suo tempo libero e di “assegnargli” qualche compito per i prossimi giorni, così magari per una volta affaccendato in cose utili per la comunità e rientranti nelle sue competenze, potrà evitare di spendere il suo tempo nel tentativo di ricerca di appellativi “improbabili” da appioppare all’opposizione. La verità, caro assessore, è che il sindaco dovrebbe darti la delega alla coerenza e alla trasparenza. Così potresti occuparti della Saf e di Fardelli (Marzilli si riferisce al fatto che Colantonio, dopo aver fatto votare un documento che criticava la Saf e Fardelli, ha poi votato lui stesso per la riconferma di Fardelli al vertice dell’Azienda che si occupa dei rifiuti), del rispetto delle regole negli appalti, della legalità – ha concluso Marcello Marzilli – come nel caso della demolizione abusiva della ex scuola media».

51
Da: ; ---- Autore: