‘Colantonio, un passo indietro!’ – Per indiscrezioni sull’imminente passaggio dell’ex segretario all’Italia dei Valori’

ARCE – Terremoto nei Comunisti Italiani: la locale sezione del partito chiede le dimissioni dell’assessore Vincenzo Colantonio.
Lo strappo è maturato nella tarda serata di lunedì, a seguito delle voci circolate nelle scorse settimane che danno per imminente il passaggio dell’assessore all’Ambiente all’Italia dei Valori.
In un’accesa riunione, il direttivo della sezione “Peppino Impastato” ha approvato un duro documento che chiede, senza mezzi termini, un immediato passo indietro all’ex segretario da tutti gli incarichi amministrativi «avuti come rappresentante del Pdci di Arce».
«Questa sezione – si legge nel comunicato stampa – augura a Colantonio una grande fortuna e di trovare lo stesso entusiasmo, la stessa umiltà e la stessa moralità che ha trovato all’interno della sezione di cui è stato segretario fino a pochi giorni fa. Il direttivo è fermamente convinto che lui non voglia dare ragione a quanti (sempre di più) pensano che la politica sia sporca e che ognuno, dopo essere stato eletto, possa fare di tutto senza rendere conto a nessuno. Per questo – si legge ancora nella nota -  è anche certo che egli si dimetterà dagli incarichi amministrativi avuti come rappresentante del PdCI di Arce, che alle scorse elezioni comunali lo ha indicato come proprio referente nella lista capeggiata da Roberto Simonelli (circostanza ben nota al Sindaco), risultata vincente anche grazie al contributo di tutta la sezione. Il direttivo – si conclude il comunicato – ritiene che quanto detto più volte dal sindaco circa la necessità di una politica che faccia della eticità una scelta imprescindibile, trovi la sua applicazione garantendo rappresentanza a quella parte dell’elettorato che gli ha dato fiducia e che, con la scelta effettuata da Colantonio, si troverebbe di fatto esclusa dall’amministrazione».
Insomma, l’ennesima bufera che ha come protagonista l’assessore all’Ambiente.
A gennaio, infatti, Colantonio aveva contestato l’atteggiamento di due suoi colleghi di Giunta sulla questione della raccolta differenziata arrivando a restituire la delega e a minacciare la creazione di un nuovo gruppo consiliare. Adesso sono gli stessi ex compagni di partito a chiedere la “testa”. Nelle intenzioni del direttivo del PdCI potrebbe esserci la richiesta di un assessorato esterno. Ipotesi che appare poco praticabile sia perché l’attuale statuto comunale non prevede la possibilità di nominare assessori esterni e sia perché, di fatto, significherebbe la fine della natura civica della lista Liberamente per Arce. Da quanto si è appreso, secondo voci vicine all’assessore, Colantonio sarebbe pronto a seguire le richieste del direttivo rimettendo nelle mani del sindaco il proprio mandato.

 

62
Da: ; ---- Autore: