Collegi ‘rivisti’, Arce accorpata con Ceprano – Smembrato il collegio elettorale di Arce, che passa con la vicina Ceprano

ARCE – Smembrato il collegio elettorale di Arce, che passa con la vicina Ceprano.
Il consiglio provinciale, con 16 voti favorevoli, ha approvato il nuovo assetto dei collegi elettorali del territorio, così come disposto dalla nuova legge nazionale che prevede un taglio consistente alle circoscrizioni. La riforma, che diventerà operativa dalle prossime elezioni provinciali (salvo consultazioni anticipate), riduce a 24 i collegi, dai 30 attuali.
In questa rimodulazione è stato di fatto soppresso il collegio di Arce che conteneva i comuni di Roccadarce, San Giovanni, Pico, Pastena e Falvaterra. Il comune della media Valle del Liri è confluito nel raggruppamento numero 8, che risulta così composto: Ceprano, Arce, Roccadarce, San Giovanni Incarico e Falvaterra. Nella sostanza sono stati tolti i comuni di Pico, Pastena e si è aggiunto quello di Ceprano (prima riunito con Castro dei Volsci e Pofi) che, però, ha mantenuto la titolarità del collegio. Gli elettori totali dei cinque comuni aventi diritto sono 19.523, in media con gli altri collegi che vanno dai 16mila di Atina ai quasi 25mila di Monte San Giovanni Campano.
Il dato politico del nuovo assetto predisposto dall’assessore Paliotta, invece, non mancherà di sollevare polemiche anche ad Arce, come del resto già è accaduto a livello provinciale. Gli accorpamenti, in effetti, possono pregiudicare l’elezione di un singolo candidato. I consiglieri provinciali, infatti, sono eletti con un sistema uninominale corretto che si basa proprio sul consenso avuto nel collegio. I seggi, poi, si attribuiscono con un complicato sistema di quozienti, calcolato sulla base dei voti complessivi ottenuti da ciascun gruppo di candidati. Nel caso di Arce, l’inserimento con Ceprano potrebbe significare anzitutto una rincorsa alla candidatura all’interno dei partiti stessi, senza contare poi che la consultazione delle comunali di Ceprano non coincide con le provinciali, determinando un espressione più politica del voto.

72
Da: ; ---- Autore: