Commercio, rilancio lento – Se ne è discusso durante l’incontro tra esercenti, sindaco e consigliere delegato

ARCE – Attività produttive, un settore in fibrillazione.
La seconda riunione convocata dall’amministrazione comunale ha confermato le difficoltà di un comparto in aperta crisi. Troppi i problemi per essere risolti con le sole buone intenzioni. Bisognerebbe avanzare una strategia comune capace di dare delle priorità, senza perdersi nei meandri delle specificità.
L’amministrazione comunale si è mostrata disponibile ad affrontare tutte le questioni che sarebbero da freno all’economia locale. Il sindaco Roberto Simonelli e il consigliere delegato Annalisa Quattrucci hanno ribadito la necessità di essere operativi e di poter interloquire con uno o due rappresentanti del settore. Di qui la necessità di ripartire da un’associazione di artigiani e commercianti rappresentativa della realtà territoriale. All’incontro di giovedì ha partecipato anche Salvatore Tedeschi, presidente del sodalizio arcese fondato nel 2006, che ha parlato delle difficoltà che di fatto hanno messo in stand by la struttura associativa. Tedeschi, ha comunque assicurato la sua disponibilità a far ripartire l’associazione e ad indire contestualmente il rinnovo di tutte le cariche sociali. L’appuntamento è stato quindi rinviato a giovedì prossimo 10 giugno alle ore 21.30, sempre presso la sala consiliare.
Durante l’incontro alcuni commercianti hanno sollevato una serie di questioni che si trascinano, irrisolte, da anni. Tra queste, la zona di rispetto cimiteriale con la sosta degli ambulanti, la mancanza di controlli al mercato settimanale con la gestione dei posteggi, i problemi dei negozi di vicinato e il rispetto delle distanza minime, l’annosa questione dei parcheggi in località Fontana Buona, il rispetto degli orari e dei riposi settimanali.
 

92
Da: ; ---- Autore: