Commissioni consiliari – Il comunicato stampa integrale del capogruppo Gianni Nardone

«Nella prossima settimana si dovrebbe tenere una seduta della massima assise civica ed immagino che si discuterà anche di qualcuna delle emergenze di Arce quali il lavoro, i servizi sociali, la tutela della salute e dell’ambiente. Su tali problematiche credo che si possano unire le forze per il bene comune, così come assieme ai colleghi della minoranza ho accettato di buon grado di partecipare alle riunioni dei capigruppo consiliari richiesta dall’assessore all’ambiente Vincenzo Colantonio durante l’ultima assise civica, al fine di trovare soluzioni unitarie sull’emergenza ambientale che sta riguardando l’impianto di smaltimento dei rifiuti di Colfelice e la vicina discarica di Cerreto perché penso che tale strumento debba diventare una costante dell’azione amministrativa  nel nostro Comune. Se a ciò potessimo aggiungere l’istituzione delle commissioni consiliari previste dalla L. 267/2000 e si andasse a realizzare il “Bilancio Partecipato”, sicuramente il tasso di democrazia nel nostro paese verrebbe sicuramente innalzato. Dulcis in fundo, aggiungendo poi la nomina del Difensore Civico, già previsto anche nello Statuto Comunale, il  nostro paese potrebbe essere equiparato ad una democrazia  scandinava. Tale modalità di governare la cosa pubblica, ancora non troppo esercitata ad Arce potrebbe portare ad una fattiva collaborazione tra maggioranza e minoranza consiliare, perché quando si pongono sul tappeto atti importanti per la cittadinanza tutta, si possono trovare larghe intese privilegiando il confronto allo scontro.

Ritengo pertanto fondamentale l’immediata costituzione di almeno quattro Commissioni Consiliari e precisamente quelle su servizi sociali e tutela della salute, tutela dell’ambiente, lavori pubblici ed urbanistica, facendo ciò oltre a garantire l’aspetto democratico, si avrebbe l’indubbio vantaggio di poter realizzare scelte condivise e se possibile decise all’unanimità. Spero di aver aperto con questa mia nota un fecondo dibattito che porti al miglioramento delle relazioni politiche e sociali nella nostra cittadina».

189
Da: ; ---- Autore: