Conclave sulla rotatoria – Assenti gli assessori Vincenzo Colantonio e Brigida Fraioli. L’intesa è lontana

ARCE – Maggioranza in conclave per uscire dall’impasse “rotatoria”.
Si sarebbe tenuta lunedì pomeriggio una riunione di maggioranza per cercare di trovare una soluzione condivisa all’opera viaria che riguarderà la zona cimitero.
Le posizioni sarebbero sostanzialmente le stesse, da un lato l’esigenza di dare il proprio assenso all’Astral in tempi brevi, prima che le risorse del finanziamento siano dirottate altrove (pare che altri comuni stiano facendo pressioni in merito), e dall’altro la necessità di tutelare le attività commerciali che insistono nei pressi del bivio.
A cercare una soluzione che salvaguardi tutti e che metta pace in giunta, è il sindaco Roberto Simonelli assieme al dirigente dell’ufficio tecnico Carlo Valletta. Ma si sa che nonostante la buona volontà la coperta rimane sempre troppo corta da una parte. Nell’incontro di lunedì, poi, sarebbero pesate le assenze (giustificate da improrogabili impegni di lavoro) degli assessori Vincenzo Colantonio e Brigida Fraioli, in qualche modo protagonisti dello scontro di vedute con il collega ai Lavori Pubblici.
L’assessore Calcagni, da quanto si è saputo, avrebbe ribadito la sua più ampia disponibilità ad ogni soluzione, fermo restando che non vengano effettuati espropri, che finirebbero per allungare, per non dire arrestare, la realizzazione della rotatoria. Dall’altra parte, sempre con toni più morbidi, sarebbe stata riconfermata la disponibilità a qualsiasi soluzione tecnica che eviti conseguenze per le attività economiche del posto. Ognuno, tolte le chiacchiere, è rimasto della propria idea. L’unica ancora di salvezza sarebbe appesa alla matita e al righello, nell’eventualità che, rimisurando e provando, si trovi una soluzione che vada bene a tutti. Astral compresa.

42
Da: ; ---- Autore: