Concorso annullato – Petrucci critica

ARCE – «La lista dei nomi non è piaciuta, ecco perché l’amministrazione comunale ha annullato la selezione».
Sara Petrucci interviene sulla questione dell’assunzione a tempo indeterminato di un addetto ai servizi cimiteriali, dopo che la giunta, lunedì scorso, ha deciso di annullare il concorso.
«Siamo di fronte – ha detto la Petrucci – all’ennesimo colpo di mano di questa amministrazione, che avevamo già denunciato a suo tempo. Questa assunzione – ha spiegato la capogruppo del Pdl – aveva già un nome e un cognome. Peccato che non fosse in posizione utile. Va ricordato, infatti, che per questo tipo di selezione è l’ufficio per l’impiego a compilare la graduatoria e il comune si sarebbe dovuto soltanto limitare alla verifica del primo candidato idoneo alla lista. Ma, guarda caso, – fa notare ancora Petrucci – ora le priorità dell’ente sono cambiate e quella ventina di persone che hanno risposto al bando, tra l’altro pubblicato in gran segreto, non occorrono più perché il servizio sarà affidato ad una ditta esterna. Ancora una volta il sindaco Simonelli crede di poter disporre a proprio uso e consumo l’amministrazione di un paese. Non a caso, si è fatto un clamoroso dietro front su questa storia, in favore di due nuovi bandi, dove a decidere sarà solamente l’intuito del primo cittadino. Una capacità, ahi noi, che, tra l’imbarazzo generale, ha già avuto modo di mostrare. Senza pensare, poi, al fatto che sono stati presi in giro quei cittadini che hanno partecipato, che naturalmente questo bando avrà avuto dei costi di gestione, avrà tenuto impegnato il personale per accorgerci alla fine che non serve più. Aspettiamo comunque di leggere cosa hanno scritto tra le motivazioni della delibera. Sono convinta – ha concluso Sara Petrucci – che anche questa volta sarà un clamoroso autogol e a farne le spese, purtroppo, saranno ancora una volta i cittadini».

51
Da: ; ---- Autore: