‘Consiglieri ‘latitanti’, punizione inaccettabile – Le parole di Nardone

ARCE – «Non può essere consentito a nessuna amministrazione di scegliersi la minoranza che ritiene più opportuna».
Parole del consigliere comunale di minoranza Gianni Nardone, all’indomani delle indiscrezioni che vedrebbero pronta l’amministrazione del sindaco Simonelli a proporre la decadenza nei confronti dei consiglieri “latitanti”.
«A quanto pare – spiega il capogruppo di Giustizia e Libertà per Arce – la questione della partita consiste proprio nell’eliminazione politica di qualche avversario. Se questa maggioranza – avverte Nardone – avrà gli attributi per andare avanti su questa strada, troverà la nostra ferma risposta negativa. Crediamo infatti che solo il corpo elettorale con il voto possa decidere chi deve governare e chi fare l’opposizione. Pertanto, nell’esprimere agli amici di “Insieme per Arce Democratica” la massima solidarietà su tale proditorio attacco, si invita l’amministrazione a pensare a cose più cogenti per la cittadinanza quali, per esempio, la corretta distribuzione dei contenitori per la differenziata che in molte zone del paese non sono ancora stati consegnati. Questa volontà di punire in questo modo i consiglieri discontinui nel partecipare alle sedute – ha concluso – dovrebbe far riflettere in molti sulle capacità di approccio democratico dell’attuale amministrazione».

44
Da: ; ---- Autore: