Corsetti incalza il sindaco Simonelli – Con un manifesto

ARCE – Dieci domande e qualche considerazione per il sindaco Roberto Simonelli.

Sono quelle poste pubblicamente, attraverso un manifesto, da Iliano Corsetti. Il presidente dell’Associazione Intercomunale “Valle del Liri” torna a colpire duramente gli ex compagni di cordata (Corsetti, infatti, nell’ultima consultazione elettorale sostenne la lista del primo cittadino).

«Credo – scrive il presidente – che a questo punto il sindaco debba rispondere chiaramente agli arcesi su tutta una serie di questioni. Anzitutto – chiede Corsetti – perché non ha mantenuto fede agli accordi elettorali. Poi dovrebbe spiegare perché non ha dato corso alle procedure per il finanziamento ottenuto, da tre anni, per 12 appartamenti di edilizia popolare; perché non ha ancora approvato il progetto per la rotatoria del cimitero; perchè si appresta a demolire un edificio scolastico; perchè ha tagliato le piante ultra centenarie del cimitero senza consultare persone competenti; perché ha volutamente perso il finanziamento di 240mila euro per il recupero del vecchio mattatoio comunale da adibire a ludoteca; perché non ha sottoscritto, come hanno fatto tutti i sindaci, l’adesione del comune di Arce al recupero dell’antica via Francigena. Ed ancora, perché non ha consegnato all’Aipes, per i corsi di ippoterapia, i beni confiscati a suo tempo alla mafia in località Puzzaca; perché, dopo essere stato autorizzato in mia presenza dai funzionari regionali, non è rientrato in possesso dei locali del mercato coperto. Per non parlare, poi, delle domande reiterate sul centro direzionale di piazza Umberto I. Sono pronto a smetterla – conclude – quando il sindaco dirà la verità su questi ed altri atti».

32
Da: ; ---- Autore: