Cultura, per ‘fare sistema’ – S’inizia dall’Unità d’Italia

ARCE – Prove di “sistema” alla riunione per la cultura.
Ancora un incontro interlocutorio quello che si è tenuto giovedì sera presso la sala consiliare, convocato dall’assessore al Turismo e alla cultura, Brigida Fraioli.
Presenti numerosi rappresentanti delle associazioni che operano nel territorio comunale, tutti motivati dalla necessità di fare quadrato attorno a degli obiettivi comuni che possano essere volano al paese.
L’assessore Fraioli ha annunciato la volontà dell’amministrazione di predisporre due importanti appuntamenti nel corso di questo autunno.
Il primo riguarderà la celebrazione dei 100 anni del trasferimento della sede comunale dal centro storico a via Milite Ignoto, il secondo, invece, sarà per l’importante ricorrenza dei 150 anni dell’Unità d’Italia.
Tra le manifestazioni di questo fine anno, poi, l’assessore ha ricordato quella popolare con le cantine al centro storico e la volontà di predisporre un tendone in piazza Umberto I dove organizzare attività nel periodo delle festività natalizie. Durante l’incontro sono state anche ascoltate alcune idee sul come far progredire il «sistema paese» e le modalità di coinvolgimento ed accesso ai finanziamenti da parte delle organizzazioni no profit.
La difficoltà principale, ribadita a più voci, rimane quella delle scarse disponibilità delle risorse economiche al quale si affianca la già pesante assenza nel comune di Arce di spazi idonei ed adeguati per la cultura. Un’esigenza che ha riaperto interrogativi sulla possibilità di utilizzare i locali dell’ex mercato coperto, ma che pone in maniera seria l’impegno urgente dell’attuale amministrazione a trovare soluzioni e a prendere delle decisioni su opere ferme come il centro polifunzionale di piazza Umberto I, il vecchio mattatoio e le scuole in disuso..

50
Da: ; ---- Autore: