Dal traffico all’abbandono dei rifiuti – L’intenso 2010 della Polizia locale

ARCE – Polizia locale, tempo di bilanci.
Un 2010 intenso di attività quello che si lascia alle spalle il comando dei Vigili Urbani di Arce. Il comandante Giampiero Marzilli ha reso noto i dati degli interventi effettuati nell’ambito dei servizi comunali prestati negli ultimi dodici mesi.
Un’attività in costante crescita, che deve fare i conti con una forza di personale esigua rispetto all’organico previsto e alle vastissime competenze fissate dalla legge.
«Le finalità della Polizia – ha spiegato il comandante – è la vigilanza di tutto ciò che costituisce la serena e pacifica convivenza della comunità locale. Un’azione che cerchiamo di svolgere soprattutto in modo preventivo e collaborativo affinché si arrivi all’uso della repressione come ultima ragione. A noi – ha aggiunto Marzilli – interessa che i cittadini capiscano la necessità di rispettare alcune norme comuni, più che far passare un’azione meramente sanzionatoria».
L’attività di vigilanza, prevenzione e repressione della polizia municipale, sia in ambito amministrativo che penale, è finalizzata esclusivamente a diversi settori per specifico richiamo della legge speciale che riconosce loro, esclusivamente in questi ambiti, la qualità di ufficiali o agenti di polizia giudiziaria. Si va dalla polizia urbana e rurale, con particolare riferimento al rispetto dei regolamenti, delle ordinanze dell’ente locale e la tutela dei beni comunali. Poi si passa al rispetto del codice della strada per tutte le arterie che riguardano il territorio. Diverse e complesse anche le competenze su commercio, pubblici esercizi, edilizia, sanità locale, polizia veterinaria, polizia mortuaria, polizia tributaria, con riferimento ai tributi imposti dall’ente locale. Ed ancora vigilanza sull’igiene ed ambienti; accertamenti e informazioni relativi alle attività istituzionali dell’ente locale, come, tra gli altri gli accertamenti anagrafici.
«Un campo vastissimo – ha ripreso il comandante – che ci vede impegnati 365 giorni l’anno. Quando si tirano le somme degli interventi si nota come questi aumentino vertiginosamente di anno in anno. In quest’ultimo, ad esempio, gli interventi per incidenti avvenuti sulla rete stradale del comune sono quasi raddoppiati. Questo anche in virtù del sostegno e della collaborazione che abbiamo instaurato con la locale stazione dei Carabinieri, anch’essa fortemente impegnata sul territorio. Non ultimi poi – ha concluso Marzilli – gli interventi in materia ambientale legati all’abbandono dei rifiuti e al controllo del nuovo sistema di raccolta porta a porta».

43
Da: ; ---- Autore: