‘Diario di un uomo di Dio’ – La chiesa parrocchiale, teatro del convegno, era gremita di pubblico, termometro dell’amore che ancora oggi i santopadresi, a quindici anni dalla scomparsa, ricordano don Antonino

SANTOPADRE – Il Dolore, quello che dà pena e che fa sprofondare l’animo nella tristezza, nell’angoscia, nella sofferenza. La fiducia in Dio, considerato l’unico capace di offrire speranza e  consolazione, nei percorsi bui della vita di ognuno.
E poi il Ricordo, idea passata e impalpabile che comunque occupa la mente impregnandola di profumate sensazioni. Ebbene, l’opera che è stata presentata domenica pomeriggio a Santopadre sembra essere proprio un’ottima  sintesi di tutto ciò. Si intitola “Dolore”  ed è stata analizzata presso la Chiesa Parrocchiale dedicata a San Folco, a partire dalle ore 18.
Ma di cosa  si è parlato?
«Si è trattato di presentare le caratteristiche di un quadernino autografo di 34 pagine – spiega la professoressa Elena Dei Cicchi che ha curato la presentazione e il commento del diario – ritrovato tra gli effetti personali di don Antonino Pompei, parroco di Santopadre dal ’63 alla morte avvenuta nel ’96. In questo manoscritto don Antonino ha più volte affrontato il tema del dolore. Quello che stupisce è come don Antonino che si è sempre mostrato un umile parroco di campagna, uomo di fede certamente, ma portatore di quella fede semplice e contadina adatta a penetrare gli animi comuni di gente comune, in questo manoscritto abbia  messo in luce un aspetto più intenso e profondo proprio di un’anima tormentata dal sentimento del male e del dolore che trova ristoro nella totale e convinta fede in dio».
Nel testo sono presenti un intervento del sindaco di Santopadre Giampiero Forte, un’introduzione di Franco Dei Cicchi, coordinatore editoriale, un intervento di don Alessandro attuale parroco di Santopadre, un intervento di Mario Mollicone studioso di Storia locale, una prefazione della professoressa Rosella Tomassoni, ordinario di psicologia generale e direttore del dipartimento  di scienze umanistiche universi cassino, una postfazione di don Giandomenico Valente. Alla presentazione è stato presente il Professor Filippo Carcione ordinario di Storia del Cristianesimo e delle Religioni  dell’Università di Cassino.
All’evento  si è registrata una folta partecipazione di pubblico. Non è mancata  una attenta presenza di Sindaci e amministratori dei comuni limitrofi. In prima fila:  il sindaco di Roccadarce Dott. Rocco Pantanella, primo cittadino di Colfelice Prof. Bernardo Donfrancesco, il Vice Sindaco di Casalvieri Dott. Pasquale Iacobelli, il  Sindaco di Pico paese d’origine del compianto don Antonino e di alcuni familiari del defunto parroco.
Unanime il commento dei partecipanti che hanno apprezzato l’iniziativa editoriale e l’organizzazione  della manifestazione che ha visto anche la deposizione di una Corona sulla tomba di don Antonino che si è fatto tumulare nel Cimitero di Santopadre, accanto al popolo di Dio di cui aveva curato le anime.

 

86
Da: ; ---- Autore: