Dirigente amministrativo in servizio dal primo aprile – Si tratterebbe di una donna che ha già lavorato per l’Ente

ARCE – Un nuovo funzionario dirigente per l’area amministrativa.
E’ quello che dovrebbe prendere servizio dal prossimo primo aprile. Secondo indiscrezioni l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Roberto Simonelli avrebbe accettato una sorta di accordo a tre, tra Regione Lazio, commissario dell’Unione dei Comuni “Civitas Europae” di Arpino (ente dal quale Arce è uscita da tempo) e lo stesso Comune di Arce.
In vista dello scioglimento dell’Unione, infatti, si è cercato di salvaguardare l’organico assunto dall’ente sovra comunale, assegnandolo ai diversi comuni che ne facevano parte.
Ad Arce nelle prossime settimane arriverebbe una figura part-time con qualifica “D” che potrebbe andare a colmare la stretta necessità del municipio di dotarsi di un dirigente nel settore amministrativo.
A quanto pare, si tratterebbe di una lavoratrice arcese che già ha prestato servizio, sempre come dipendente di “Civitas Europae”, nell’ufficio tecnico comunale di via Milite Ignoto.
Nell’accordo, secondo le poche notizie filtrate, la Regione pagherebbe parte (forse il 50%) dello stipendio e dei relativi costi salariali, mentre il restante sarebbe a carico delle case comunali. La durata dei benefici regionali sarebbero limitari a cinque anni, mentre la lavoratrice non entrerebbe, almeno per il momento, nella pianta organica del comune dove; invece, pare sia indispensabile l’indizione di un concorso pubblico.
La copertura, anche se part-time del posto da responsabile amministrativo e la nomina del nuovo segretario comunale in convenzione, chiude un ciclo di difficoltà a cui è stata sottoposta l’amministrazione del paese che ha rischiato in più occasioni di bloccarsi e non essere efficace.

93
Da: ; ---- Autore: