‘Disabili, dal Comune sensibilità sospetta’ – Le mamme

ARCE – «Quella dell’amministrazione comunale? Una sensibilità sospetta».
Il braccio di ferro tra la maggioranza guidata dal sindaco Simonelli e la dirigenza scolastica sul caso della mancata iscrizione della ragazza disabile, continua a far discutere.
Ad intervenire, questa volta, sono i genitori di due bambini diversamente abili che frequentano l’Istituto Comprensivo di Arce.
«Tutta questa improvvisa sensibilità – ha commentato la mamma di un bimbo affetto da paralisi celebrale infantile – stride con quella che è la realtà nel nostro paese. Ci sono molti bambini che devono ricevere un ausilio ortopedico per stare comodamente seduti in classe. Sarebbe come a dire che per qualsiasi alunno mancassero le sedie o i banchi. Le diverse richieste inoltrate al Comune – prosegue la signora – rimangono senza nemmeno una risposta. Se c’è una grossa mobilitazione per riaffermare i diritti dei bambini diversamente abili, ben venga! Ma che sia per tutti. Non si può tollerare che si arrivi persino al Capo dello Stato per poi nei fatti dimenticarsi tutto il resto. Dovremmo scrivere – ha concluso risentita la donna – a tutti quei ministri e a tutti i provveditori per raccontare di tutte quelle volte in cui a noi genitori di bambini con handicap viene risposto che non è possibile esaudire le richieste per mancanza di soldi».

59
Da: ; ---- Autore: