Ente montano, dopo il divorzio la carta bollata – Annunciato un ricorso

ARCE – Fuori dalla Comunità montana, Dino Giovannone pronto a dare battaglia.
Poche righe, ma coincise.
Sono quelle inviate ieri mattina dal presidente della XV Comunità montana di Arce al sindaco Roberto Simonelli e al segretario comunale di via Milite Ignoto. Giovannone chiede copia del verbale della deliberazione del Consiglio Comunale, tenutosi in data 30 Settembre 2009, nella quale l’assise civica ha sancito la fuoriuscita del Comune di Arce dal comprensorio della XV Comunità montana. Non solo. Le ultime parole della richiesta fanno ben capire quale sarà lo scenario su cui si svolgerà nei prossimi mesi (se non anni) l’intera vicenda. Dice, infatti Giovannone, che la richiesta è fatta «al fine di poter attivare tutte le azioni giuridiche ed amministrative del caso».
In pratica, annuncia un ricorso alle vie legali che porterà senz’altro i due enti ad un duro scontro giudiziario. Intanto è trapelato che alla base di questo “litigio” non ci sarebbero soltanto le motivazioni già ampiamente note. Bensì una serie di ripicche tra l’ex presidente del consiglio comunitario, Iliano Corsetti, e il presidente Giovannone. Tra i due compagni di partito, ormai da tempo, non scorre buon sangue, tanto da ostacolarsi a vicenda sugli argomenti più disparati, senza esclusione di colpi.

44
Da: ; ---- Autore: