Frosinone truffato – Decisioni sconcertanti dell’arbitro bolognese Aureliano. Esplode l’ira di Stirpe: ‘Malafede’. E a fine gara compare un biglietto con la scritta ‘Tanto pareggiamo su rigore’. Scatta l’inchiesta

Una direzione arbitrale scandalosa, con un rigore inventato come ciliegina finale, ha provocato il pareggio dell’Entella (3-3) con il Frosinone, e la legittima ira del presidente giallazzurro Maurizio Stirpe, che non ha esitato a dichiarare: «Stavolta devo parlare di malafede. Un simile operato non può essere soltanto figlio di incapacità». Affermazioni che per il presidente canarino sono il preludio alla ricerca della verità, che avverrà nelle sedi opportune: «Adirò la giustizia ordinaria, che mi concedono o meno l’uso della clausola compromissoria». E alla fine della gara compare un bigliettino recante la scritta “Tanto pareggiamo su rigore”. Sui fatti del Matusa scatterà ora un’inchiesta federale che avrà il compito di accertare se il Frosinone non sia stato davvero truffato. I giocatori a fine gara hanno scelto il silenzio.

140
Da: ; ---- Autore: