I fondi ci sono. La Passione Vivente si farà il 22 aprile – Smentite dagli amministratori le voci sull’annullamento della rappresentazione

La Passione vivente, quello che può essere considerato, a pieno titolo, l’evento per eccellenza ad Arce e che ormai da tempo si tiene a cadenza biennale, si svolgerà, salvo problemi climatici, il prossimo 22 aprile. I preparativi sono ormai in pieno svolgimento e in questi giorni, dopo gli incontri preparatori, stanno iniziando anche le prove dei figuranti. Sappiamo bene che la messa in scena non si tiene più ogni anno a causa dell’eccessivo costo che la locale Pro Loco non riesce a sostenere ma in questi giorni sono circolate con insistenza voci di un possibile annullamento dell’evento a causa del mancato stanziamento di fondi da parte del comune di Arce. Voce immediatamente smentita sia dall’assossore al bilancio Marco Marzilli che dall’assessore alla cultura Brigida Fraioli. "C’è stato un piccolo ridimensionamento della cifra prevista – ci dice infatti Marzilli – ma coomunque l’amministrazione parteciperà con circa 14 mila euro alla realizzazione della rappresentazione della Passione di Cristo, non potevamo far mancare il nostro apporto economico a una manifestazione che tanto lustro ha dato nel corso degli anni al nostro paese portando il venerdì santo migliaia di persone nella piazza di Arce per assistere ad una rappresentazione che non ha eguali". 

La congiuntura economica negativa, dunque, colpisce tutti ma nonostante le difficoltà la Passione Vivente avrà luogo, come abbiamo detto in principio salvo mal tempo, il prossimo 22 aprile e siamo certi che anche questa edizione vedrà un folto pubblico assieparsi lungo le transenne per rivivere, attraverso gli episodi salienti, il percorso di Cristo verso l’estremo sacrificio della croce per la salvezza degli uomini.

62
Da: ; ---- Autore: