Il Comune aggiusta il tiro sul taglio degli alberi – Il consigliere d’opposizione Marcello Marzilli incassa le prime ragioni sulla vicenda

 

ARCE – Sul taglio degli alberi al cimitero, il Comune inizia a correggere il tiro. 
Il consigliere d’opposizione Marcello Marzilli incassa le prime ragioni sulla vicenda che lo scorso mese di dicembre portò all’abbattimento, nella parte vecchia del cimitero, di otto piante ad alto fusto ultra decennali. Il provvedimento fece divampare una serie di polemiche attorno all’opportunità di rimuovere gli antichi pini. 
Alcuni cittadini presentarono un esposto alla guardia forestale, mentre l’opposizione fece seguire una serie di interrogazioni per conoscere i motivi dell’urgenza e se fossero state adottate tutte le misure cautelative del caso. Nei giorni scorsi, il responsabile dell’ufficio tecnico comunale avrebbe risposto ad una di queste richieste ammettendo indirettamente alcune leggerezze. 
«Il tecnico – spiega Marcello Marzilli – conferma la necessità su quanto avevamo sostenuto per la stima del legname ricavato dal taglio. Non solo – prosegue l’ex assessore – ci dice anche che la ditta incaricata dei lavori di abbattimento si vedrà scorporato dal compenso il valore del legname ricavato dal taglio. Bene. Anche se ci sarebbe ancora da dire – fa presente ancora Marzilli – in che modo sia stata fatta la stima e se risulta che sia stato pesato il legno portato via dal cimitero. Ma è evidente che a noi interessa constatare con quali sistemi e con quali accortezze è stato operato. Continuiamo a manifestare la nostra preoccupazione su queste leggerezze. E di certo – ha concluso – continueremo a svolgere un ruolo d’opposizione sempre responsabile e costruttivo».

 

45
Da: ; ---- Autore: