Imu, il gruppo di Quaglieri batte sul regolamento – Deve essere approvato entro il 31 marzo

ROCCA D’ARCE – “Rocca d’Arce, progetto comune”, il nuovo gruppo di minoranza di Antonello Quaglieri nato dopo la scissione con Loreto Simone, fa già sentire la propria voce.
Lo fa in tema di Imu (imposta municipale unica) e dell’importanza di un apposito regolamento.
«Senza l’approvazione di un regolamento Imu entro la scadenza del 31 marzo il comune non avrebbe più la possibilità di prevedere agevolazioni per i contribuenti – sostiene in una nota il capogruppo Quaglieri -. Allo stesso modo, auspichiamo che la redazione del nuovo regolamento applicativo dell’Imu segua un percorso unanime includendo una differenziazione di aliquote soprattutto per alcune tipologie di fabbricati: l’aliquota agevolata per l’abitazione principale al minimo del 2 per mille; l’aliquota minima consentita nei primi due anni di start up per le piccole imprese di nuova costruzione (così da favorire lo sviluppo locale); l’aliquota ridotta (0,1) per i fabbricati strumentali all’attività agricola; l’aliquota dimezzata per gli immobili di proprietà delle imprese utilizzati direttamente per lo svolgimento delle attività imprenditoriali (cioè utilizzati come beni strutturali dell’impresa); l’aliquota dimezzata per i locali ubicati nei centri storici ed adibiti, a far tempo dal primo gennaio 2011, ad attività di artigianato di servizio o commercio (per favorire la loro presenza nei centri storici ed incentivare la destinazione d’uso dei locali per queste funzioni); l’aliquota dimezzata per i fabbricati realizzati per la vendita e non venduti, come previsto dalla manovra».

44
Da: ; ---- Autore: