La banda del buco… nell’acqua – Con picconi e martelli pneumatici avrebbero fatto breccia nel muro ma per loro niente bottino. ‘Disturbati’ nel tentativo di arrivare al denaro, hanno battuto la ritirata sebza risultato

COLFELICE – Nuovo colpo all’Ufficio postale di Colfelice.
La ‘banda del buco’ entra ancora una volta in azione, restando a… bocca asciutta! Un flop vero e proprio il tentato furto alle Poste di Colfelice posto in essere con molta probabilità nella notte di domenica. Come nelle altre volte, i malviventi sono riusciti ad entrare attraverso un foro praticato nel muro dell’attiguo municipio. In questo caso, però, la ‘fatica’ dei membri della banda non ha sortito (fortunatamente) effetti: oltre al danneggiamento della casa municipale, nessun bottino per i malfattori che sono fuggiti a mani vuote. Ben quattro, sin’ora, i colpi ‘riservati’ all’Ufficio postale di Colfelice e messi a segno con lo stesso modus operandi. L’ultimo dei quali, risalente allo scorso marzo, fruttò alla banda circa 3000 euro. In quell’occasione, infatti, i delinquenti riuscirono a guadagnare la cassaforte e grazie all’uso di un flex ad asportare il denaro. Nel colpo messo a segno con alta probabilità nella notte di domenica, invece, i furfanti potrebbero essere stati ‘infastiditi’ da qualcosa. Un rumore o verosimilmente il passaggio di una pattuglia dei carabinieri della Compagnia di Pontecorvo, impegnata in servizi di controllo del territorio, non ha consentito ai guanti di velluto di completare ‘l’opera’. Secondo una prima ricostruzione dei fatti affidata ai carabinieri della Stazione di Arce coordinata dal maresciallo Gaetano evangelista, i delinquenti si sarebbero introdotti all’interno del Municipio da una finestra sul retro che immette in una stanza attigua all’ufficio dei Vigili urbani. Infranti i vetri, una volta all’interno, passando in un’altra stanza adibita ad archivio, avrebbero fatto breccia nel muro, probabilmente con dei picconi o con dei martelli pneumatici. Una volta garantito il varco necessario per introdursi nell’ufficio postale, avrebbero tentato il colpo. Senza riuscire a raggranellare giacenze o contanti, ‘disturbati’ nel tentativo di raggiungere la cassaforte, hanno battuto la ritirata senza alcun risultato. Ieri mattina, all’apertura della Casa comunale, un dipendente ha constatato la presenza del buco nel muro che collega l’Ufficio postale al Comune. Allertati gli uomini del maresciallo Evangelista, della Compagnia di Pontecorvo coordinata dal capitano Di Carlo, sono scattati immediatamente i rilievi. Serrate le indagini dei militari per risalire agli autori del gesto. Ricerche diramate in tutto il territorio.

25
Da: ; ---- Autore: