‘La disfida dello stincone’ per riscoprire le tradizioni – A partire alle 20 e 30

ARCE – La disfida popolare, una contesa a cinque.
Si terrà questa sera, a partire dalle 20.30 in piazza Sant’Antonio, l’attesissima sesta edizione dei giochi popolari organizzati dall’associazione culturale “S. Agostino”, con il patrocinio dei Comuni di Arce, Rocca d’Arce e Colfelice.
“La disfida dello Stincone” è il nome della manifestazione che di fatto precede i festeggiamenti in onore di sant’Agostino, in località Borgo Murata. Un appuntamento ludico che affonda le sue radici nella riscoperta delle antiche identità; il territorio denominato per l’appunto “dello stincone” raggruppava infatti i municipi di Arce, Rocca d’Arce e Colfelice, paesi che, assieme alle loro genti, hanno vissuto e condiviso importanti vicende storiche. Cinque le squadre che si contenderanno il trofeo messo in palio dall’amministrazione comunale di Arce: Borgo Murata, Tramonti, Le Criscie, Campostefano e Colfelice. Mentre sempre otto saranno i giochi proposti: corsa con la carriola, corsa con i sacchi, bomba d’acqua, la stesa (consistente nel realizzare una sfoglia di farina ed acqua più grande possibile), trasporto uova, l’abbuffata e il gran finale con l’immancabile tiro alla fune. Ad allietare la serata e i momenti di preparazione ci penserà il duo musicale Pascal e Valentina. La festa “dello Stincone” prosegue anche domani, mercoledì 26 agosto. Dalle 21, nella stessa piazza si svolgerà una serata musicale dedicata alle giovani proposte intitolata “…Sognando le Stelle”.
Intanto, nella medesima piazza, è calato il sipario sul Murata Street Sound 2009. Sabato scorso la manifestazione ha fatto registrare una partecipazione di pubblico senza precedenti, grazie anche all’attesa esibizione del gruppo dei Meganoidi e alla serie di concerti proposti gratuitamente. Sul palco di piazza S. Antonio ha portato il saluto dell’amministrazione provinciale il vice presidente Fabio De Angelis, che ha sottolineato la scelta della nuova giunta di sostenere eventi musicali come il Murata.

147
Da: ; ---- Autore: