La nuova scuola elementare dedicata a Giulia Carnevale – Ieri mattina la posa della prima pietra alla presenza del Vescovo

ARCE – La costruzione di nuova scuola? Un «inno alla vita».
Così il Vescovo Filippo Iannone ha definito l’avvio della realizzazione della scuola dell’infanzia e asilo nido di via Magni. Ieri mattina, alle ore 10, si è tenuta la cerimonia di posa della prima “pietra” della struttura in acciaio e legno che, appena pronta, sarà dedicata alla studentessa “Giulia Carnevale” che ne ha ispirato anche il progetto.
«Sono onorato di essere qui con voi. – Ha detto il Vescovo -. In particolare perché vedo in questo paese delle grandi potenzialità. Inaugurare un cantiere di questi tempi non facili – ha aggiunto – è anche un motivo di speranza. A maggior ragione se si tratta della realizzazione di una scuola, che ospiterà tanti ragazzi e che rappresenta in se un vero e proprio inno alla vita. Dobbiamo fare in modo – ha sottolineato ancora monsignor Iannone – che nella nostra azione non venga mai meno il confronto, la solidarietà, l’amore per il bene comune che ha senz’altro il primato sul bene personale o privato. Così, come diceva san Giovanni Bosco, dobbiamo essere dei buoni cristiani e onesti cittadini. Un saluto, oltre a tutte le autorità, va ai ragazzi e ai loro insegnanti ai quali dico che la formazione è senz’altro un fatto di intelletto che ha però bisogno di tanto cuore. La forma migliore per trasmettere i valori – ha concluso il Vescovo – è quella di viverli e testimoniarli».
Il presule ha poi azionato i comandi della prima gettata di cemento per le fondazioni.
«E’ un avvenimento unico per la nostra comunità carico di significato e di speranza per il futuro. – Ha detto invece il primo cittadino Roberto Simonelli -. Benedire questa prima pietra è il segno di un paese che crede in se stesso e che desidera crescere e migliorarsi. La presenza del nostro Vescovo – ha concluso – testimonia lo spirito positivo e costruttivo della nostra gente».
Alla manifestazione hanno partecipato: il dirigente scolastico Rita Cavallo che, insieme ai docenti e ad una rappresentanza di alunni, ha portato il saluto di tutto l’istituto comprensivo. Il comandante dei carabinieri di Arce, Gaetano Evangelista, il parroco don Ruggero Martini, il comandante della polizia locale Giampiero Marzilli, i genitori di Giulia Carnevale e i baby sindaci di Arce, Roccadarce e Colfelice. A fare gli onori di casa, il sindaco Simonelli con tutta la giunta e diversi consiglieri di maggioranza. Assenti, invece, i rappresentanti dell’opposizione.

24
Da: ; ---- Autore: