La sicurezza scolastica approda in consiglio – Presso l’aula magna della scuola media

ARCE – Un consiglio comunale aperto sulla questione sicurezza degli edifici scolastici.
Mercoledì 2 settembre, alle 19, presso l’aula magna della scuola media, il presidente del consiglio comunale Gianfranco Germani ha convocato un’assise straordinaria “aperta” all’istituzione scolastica e a tutta la cittadinanza sul problema della staticità delle scuole. Una sorta di incontro pubblico, hanno spiegato dal palazzo municipale, nel quale fare il punto della situazione. Nella convocazione è presente un solo punto all’ordine del giorno: edifici scolastici, chiarimenti e discussione. Non sarà un vero e proprio consiglio comunale, dunque, in quanto non ci sarà una deliberazione, ma solo la verbalizzazione di quanto emergerà dall’incontro. Un’occasione di confronto sul da farsi e per fugare ogni dubbio su una situazione che sta preoccupando parecchio le famiglie. Una mossa azzeccata, questa dell’incontro pubblico, che da un lato incontra l’apprezzamento dei genitori e dall’altro spiazza la minoranza che sulla questione è apparsa poco incisiva e, da quanto si sa, stava valutando proprio l’ipotesi di richiedere un consiglio comunale ad hoc. Intanto nei giorni scorsi il consigliere comunale Gianni Nardone è tornato sull’argomento per chiedere le dimissioni dell’assessore Colantonio. Secondo l’esponente della lista “Insieme per Arce democratica”, il comunicato stampa dell’amministrazione Simonelli sconfesserebbe le dichiarazioni dell’assessore all’ambiente. «Le esternazioni fuorvianti dell’assessore Colantonio – dice Nardone – sono state smentite dal comunicato della sua stessa amministrazione, che ha rassicurato i cittadini sullo stato dei fatti, prendendo in qualche modo le distanze dall’allarmismo dell’assessore all’ambiente. Quest’ultimo – ha spiegato – stando così le cose, dovrebbe opportunamente rassegnare le dimissioni dalla carica per manifesta incapacità, per aver diffuso preoccupazioni alle famiglie, che nella festività di ferragosto potevano essere evitate e, infine, per verificare se ancora gode della fiducia del primo cittadino e della sua maggioranza».
Immediata la replica dell’amministrazione comunale, che sull’argomento è categorica. «Non c’è nessuna presa di distanza nei confronti dell’assessore Colantonio – si legge in una nota -. Non è mai stato preso in considerazione alcun provvedimento – prosegue il comunicato – riguardo le esternazioni dell’assessore che, insieme alla giunta e all’intera maggioranza, sta risolvendo concretamente il problema degli edifici scolastici. Tutte le altre affermazioni e supposizioni sono solo strumentali e fuorvianti e assolutamente prive di fondamenta.
La maggioranza – si conclude nella nota – è compatta e unitariamente, come sempre, sta risolvendo le varie problematiche che riguardano il paese». Parole queste che, comunque, tendono a ricucire uno strappo che nella giunta Simonelli, che nonostante le smentite, c’è stato.

108
Da: ; ---- Autore: