Lancia sasso su un’auto in corsa – Attimi di terrore per il conducente 40enne e suo nipote di 10. Arrestata La donna, di 34 anni, si è poi avventata contro i carabinieri

ARCE – Per un soffio in gesto inconsulto ed inspiegabile non ha assunto i connotati di una tragedia.
L’episodio che è accaduto ieri mattina, intorno alle 12.30, davanti al bar “Pit Stop” sulla Casilina, ha veramente dell’incredibile.
Una donna 34enne di origine nigeriana e senza fissa dimora è entrata nel bar per una consumazione. Evidentemente in stato di ebbrezza, dopo aver mangiato un pacchetto di patatine, è uscita fuori e, apparentemente senza una ragione precisa, ha afferrato un grosso sasso e lo ha scagliato con forza in direzione della strada. In quel momento si trovava a passare un fuoristrada, che da Ceprano procedeva verso Arce, alla cui guida era un 40enne, M.F., guardia giurata di Arce che aveva con sé un nipote di dieci anni. La pietra, di dimensioni considerevoli, ha violentemente urtato il parabrezza provocando un evidente pacco sul vetro. Fortunatamente gli occupanti della vettura sono usciti illesi ma subito il 40enne, dopo essersi accostato, ha chiamato i carabinieri. Sul posto sono immediatamente intervenuti i militari della stazione di Arce, al comando del maresciallo Gaetano Evangelista, che ha fermato la donna. Lei, per tutta risposta, si è scagliata anche contro i militari per non essere bloccata. Per l’extracomunitaria, comunque, è scattato l’arresto con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamenti aggravati e lesioni. Espletate le formalità di rito, è stata trasferita alla casa circondariale di Rebibbia, in attesa della convalida dell’arresto. I carabinieri hanno accertato che la donna aveva un tasso alcolico piuttosto elevato nel sangue.
 

107
Da: ; ---- Autore: