Le statue di Sant’ Eleuterio e Santa Rita tornate in parrocchia – Nonostante una giornata uggiosa, i fedeli non hanno voluto mancare alla tradizionale processione portando in dono le ‘ciambelle’ al Patrono

ARCE – Si è svolta oggi 6 maggio 2012 la tradizionale processione per la traslazione della statua di S. Eleuterio e S. Rita.
Dal Santuario di sito in contrada S. Eleuterio, risalente alla fine del sedicesimo secolo, alla chiesa parrocchiale di Arce. La leggenda racconta che il Santo, nel percorso di ritorno dalla visita in terra Santa, nel percorrere la via Latina fece sosta presso la torre del pedaggio sita appunto in contrada S. Eleuterio sulle rive del fiume Liri chiedendo ospitalità nella locale taverna, l’oste nel rifiutargli asilo, gli lanciò contro i suoi cani rabbiosi, ma quest’ultimi invece di aggredirlo, gli si mostrarono mansueti, durante la notte il Santo morì protetto dagli stessi cani e da alcuni serpenti, fu pertanto gridato al miracolo e nominato protettore del posto fino ancora ai nostri giorni. Sotto il cattivo tempo, pioggia che a tratti è stata anche forte, la popolazione Arcese ha partecipato numerosa nel rispetto di una tradizione antica di secoli, le statue sono state caricate su due camion ed in corteo hanno percorso i circa quattro chilometri che separano il santuario dalla chiesa parrocchiale. L’ingresso nel paese e quindi il percorso di tutta la statale Casilina compresa nel paese, è stato salutato come sempre da imponenti fuochi d’artificio con le immancabili soste nella principali località della strada per giungere infine sul percorso finale di Corso Umberto 1°, dove la comunità si radunata in gran parte, rappresentata dalle massime autorità della giunta comunale, carabinieri, polizia municipale, corpo della protezione civile, e i volontari dell’Unitalsi, che hanno scortato il corteo fino all’ingresso nella chiesa parrocchiale. La posa delle statue nei loro rispettivi altari e la celebrazione della Santa Messa da parte del nostro parroco Don Ruggero, ha concluso l’evento dando inizio così alle celebrazioni che dureranno tutta l’estate, ad iniziare dalla festa liturgica del 29 Maggio nella principale piazza del paese e quella del 3 agosto dopo il ritorno delle statue nel Santuario.

53
Da: ; ---- Autore: