L’estate ‘a risparmio’ scontenta associazioni e qualche assessore – Lunedì scorso è stata pubblicato l’atto ufficiale con il quale sono stati erogati i contributi alle associazioni per l’estate arcese 2010

ARCE – Novemila euro per le manifestazioni dell’estate arcese.
E’ lo stanziamento complessivo deliberato dalla giunta municipale n. 108 del 12 luglio scorso. Lunedì scorso è stata pubblicata nell’albo pretorio del comune di Arce l’atto ufficiale con il quale sono stati erogati i contributi alle associazioni per le organizzazioni collegate all’Arcestate 2010.
Attorno a questi stanziamenti, come ormai è tradizione, si è sollevato un vespaio di polemiche. Le cifre scontentano, all’apparenza, un po’ tutti. Troppo ad una associazione e troppo poco ad un’altra. Mentre non mancano lamentele per chi pensa che spendere quasi diecimila euro sia un lusso che il comune di Arce non può permettersi.
Sotto accusa l’operato dell’assessore alla Cultura, Brigida Fraioli che, muovendosi in un campo minato, ha cercato di contenere la spesa e ripartire, a suo giudizio, nella maniera più equa possibile le risorse disponibili. Vediamo nel dettaglio che cosa prevede il deliberato.
Al torneo di calcetto organizzato dall’Us Arce sono stati assegnati 600 euro, alla scuola Fashion Dance per l’esibizione di ballo 200 euro. Per la festa in campagna del circolo culturale “Il Frantoio” 300, mentre per la rappresentazione “Napoli tra poesia e canzoni” 400. Stessa somma per la compagnia teatrale Scacciapensieri di Roccadarce. Alla seconda edizione del Palio di S. Eleuterio sono stati stanziati 500 euro, mentre per il torneo di calcio balilla organizzato dalla “Lanterna” euro 300. Al torneo di pallavolo promosso dall’Arce Volley 300 euro, al Murata Street Sound la somma più cospicua con 2.700 euro. Alla “Disfida dello Stincone” promossa dall’associazione culturale S. Agostino, euro 1.000; all’ associazione “Nuovi Segnali” per l’evento “In Castro Archis” 500 euro, per le tre sere di cinema sotto le stelle 1.000. Chiudono l’elenco, l’Atletica Arce per la gara podistica in notturna con 500 euro e 250 euro per il pellegrinaggio a piedi al santuario della Madonna di Canneto.
Qualche malumore, riferiscono i bene informati, si sarebbe registrato anche all’interno della stessa maggioranza. Nella giunta che ha deliberato i contributi, erano assenti la metà degli assessori, fra i quali anche Marco Marzilli, Emanuele Calcagni e Vincenzo Colantonio. Un semplice caso?

35
Da: ; ---- Autore: