L’importanza dell’arte in un dipinto – Nasce a Isoletta l’associazione ideata da Luca Grossi

ARCE – Un dipinto per risvegliare l’importanza dell’arte. Nasce ad Isoletta di Arce l’associazione culturale ideata dall’artista emergente Luca Grossi.
«L’opera è solo l’inizio di un percorso che intendiamo avviare in questo piccolo paese della provincia – racconta il promotore dell’iniziativa -. E’ stato realizzato su un muro messo a disposizione dal ristorante “Il Giardinetto”, come iniziativa del nuovo movimento artistico che tende al rinnovamento e alla creazione di spazi culturali interamente dedicati al popolo. Ristrutturare la comunicazione, il senso delle cose importanti a volte dimenticate e sommerse da questo momento di decadenza che ci chiude gli occhi alla vita, caricandoci di problemi e psicosi sociali».
«Il mio obiettivo – spiega Luca, autore del dipinto – è quello di creare una piccola città dell’arte con degli spazi per le nuove generazioni, raccogliere i giovani e tutte quelle persone che sentono la necessità di “risorgere”, dando loro l’opportunità di esprimersi e interagire con gli artisti, crescendo in un ambiente sano e culturalmente stimolante».
Un dipinto dedicato alla Ciociaria e al lavoro.
«Ho relazionato il vecchio e il nuovo paese – spiega l’arista – un dipinto semplice, umile, comprensibile a tutti. Ho voluto realizzarlo per attirare l’attenzione di quanti, vedendomi su quel marciapiede mentre iniziavo a tirare i primi segni, pensavano fossi un alieno. In una settimana, ho anche notato che quelle stesse persone iniziavano ad essere sempre più incuriosite dal mio lavoro. Quando ho finito l’opera, sembravano essere tristi perché in quel luogo tutti hanno avuto l’opportunità, forse per la prima volta, di esprimere ciò che pensavano e ho voluto renderli partecipi ricreando in quel dipinto le loro impressioni i loro colori la loro opinione».
L’arco raffigurato nell’opera è idea di Grossi. Situato sulla fontana della piazza del paese è un monumento dedicato ai caduti.
«L’ho importato come entrata – commenta l’autore – in ricordo del sacrificio dei cittadini morti in guerra. L’acqua, la ciociara, la piazza e i colori sono tutti simboli di umiltà, di lavoro e unione. Con questo simbolismo ho voluto risvegliare quel sentimento di ritorno alle cose vere e necessarie della vita. E’ questo un dipinto popolare».

177
Da: ; ---- Autore: